– La medicina karmica: l’intervento del medium nel processo di guarigione- The karmic medicine: the intervention of the medium in the healing process- (Karuna)

medicina

http://consulenzespirituali.com

Se andiamo a controllare sul dizionario etimologico on-line, il termine medicina non risulta presente. Probabilmente perchè la medicina non esiste in sè per sè, ma esiste certamente il medico.
L a medicina non esiste: esiste il medico, colui che fa da medium, da mezzo, tra la persona che presenta il disagio e il disagio stesso.
E’ questo il significato più appropriato che si può dare alla parola medico. Esiste il medico, non la medicina, cosi come esiste l’individuo col suo disagio, non una categoria di disagi, generalmente considerati.

Possiamo considerare l’essere umano diposto su 3 livelli: 1) un livello istintivo, 2) un livello emotivo, e 3) un livello intellettivo. L’essere umano integrato, che non sviluppa disagi psico-fisici è un essere umano che ha un equilibrio tra questi tre livelli.

Ad esempio possiamo avere un individuo che ha una grande energia sessuale, che però non esterna perchè frenato da schemi mentali: egli svilupperà dei disagi per il fatto che il primo e il terzo livello non sono allineati.
La funzione di ogni medico è quindi quella di facilitare l’individuo a porsi in una situazione di equilibrio, MEDIANDO tra l’individuo e il disagio attraverso l’uso della parola, dei rituali, e delle sostanze naturali.

Cosa c’entra il karma ora ?

Il karma è espressione della terza legge della Creazione: “ciò che si da si riceve”.
L’espressione della coscienza individualizzata nel piano denso è il corpo fisico, che fa uso dell’energia per manifestarsi e manifestare nella realtà. L’anima, la coscienza individualizzata, quando è inascoltata, non ha altro modo per parlare che attraverso il disagio: esso fa parte del linguaggio dell’anima. Il disagio psico-fisico è dunque una comunicazione dell’anima alla individualità che siamo.
Quando ci incarniamo, decidiamo in concerto con le entità angeliche, i maestri e le altre guide interdimensionali, nonchè altre anime che vanno ad incarnarsi, quali lezioni andremo ad affrontare nella nostra vita fisica.

Per usare una metafora musicale, stabiliamo quali brani suonare, con chi suonare, e a quale volume suonare, con che intensità. Tutto questo è la contrattazione prenascita. Essa viene fatta in base al nostra karma animico: le questioni sulle quali vogliamo andare a fondo, facendone esperienza saranno affrontate nella vita fisica.
Ad esempio potremo andare a lavorare sull’amore come libertà e non come possesso, oppure potremo andare a lavorare sull’innovazione, quando invece siamo stati legati a temi di conservazione in altre vite.
Ebbene: quando ci discostiamo dal piano animico che abbiamo contrattato, l’anima ci manifesta attraverso il corpo, dei disagi psico-fisici che ci comunicano a seconda delle aree in cui questo accade, un messaggio.
Questo messaggio poi viene decifrato dall’individuo, attraverso anche il medico, che, come dicevamo prima, interviene per fare da tramite tra le esigenze animiche ed il complesso corpo-mente dell’individuo che a lui si rivolge.

Il medico karmico è colui che facilita all’individuo l’apprendimento delle sue lezioni karmiche.

Può spiegare alla persona che un suo problema alla gola ad esempio, è dovuto alla sua incapacità di esprimere la sua verità. Oppure che un suo problema a fidarsi degli altri sia dipeso da un trauma di altre vite, nelle quali è stata sottoposta a una sofferta schiavitù.
Esistono in particolare dei momenti della esistenza, che sono appunto programmati nella fase di pre-incarnazione, che sono dei crocevia di energia estremamente potente e creativa.

Li ho definiti nodi sincronici.

https://consulenzespirituali.com/la-gaurigione-spirituale-nei-nodi-sincronici-the-spiritual-healing-in-the-synchronic-knots/

Di essi si può avere un ricordo, mentre si vivono, come se fossero già accaduti. Sono definiti più comunemente “deja vù”.
Il medium-medico-facilitatore, è anche egli presente in questi momenti. Egli è colui che dall’universo è preposto al contenimento delle grandi energie che sono presenti in quella sincronicità.

E’ un momento di guarigione.

Possono così emergere degli antichi depositi di esperienze di vita dell’individuo che presenta il disagio. Può accadere ad esempio, che una donna ricordi di essere stata violata da un uomo quando era piccola, e che poi, sentendosi in colpa, abbia sviluppato una malattia punitiva della sua femminilità, manifestando un male negli organi ad essa connessi.
La consapevolezza di queste informazioni per cosi dire “rimosse” nel subcosciente dalla persona, può dare la chiave d’accesso alla unica guarigione animica possibile: il perdono di sè e degli altri.

Per restare in metafora musicale, si può dire che attraverso l’apprendimento in vita della lezione karmica, l’individuo può suonare altri brani musicali, con altri musicisti e cambiando anche il volume e l’intensità.
Può in altre parole accedere al “box dei potenziali possibili”, e ricontrattare le sue lezioni animiche. Questa ricontrattazione è agevolata dal medico karmico, il quale appunto legge nei potenziali e fa si che l’individuo si indirizzi verso potenziali di guarigione, connessione interiore e creatività.

Si può dire che la manifestazione di una guarigione fa si che alcuni eventi, che potevano accadere nella vita di una persona ora si sostituiscano ad altri eventi, che portano una vibrazione più elevata: c’è una sorta di salto della puntina del disco, da una traccia a un altra.
Gli eventi che si sarebbero verificati, le persone, lo scenario, cambia. La lezione è superata in un evento, una singolarità che l’universo ha reso possibile.
La persona che ci ha fatto del male, ad esempio, non la incontreremo più, nè andremo incontro a situazioni simili: col perdono il karma è risolto, la lezione è integrata e siamo liberi di abbracciare nuove possibilità.

https://consulenzespirituali.com/2014/04/06/messaggio-del-6-aprile-2014-paura-amore-e-la-danza-della-creazione-consapevole/

Questo è estremamente stimolante e creativo: è possibile addirittura che quelle stesse persone che ci hanno frenato, divengano partner nella co-creazione di scenari innovativi, dando in tal modo alla nostra anima la possibilità di apprendere lezioni sempre più raffinate, muovendoci con eleganza e sincerità, connessione e piacere in ogni situazione.

Luca Karuna Ursillo

mayancalendar

__________

If we go to check on the etymological dictionary online, the medical term is not present. Probably because the medicine does not exist in and of itself, but there is certainly the doctor.
The medicine does not exist: there is a doctor, one who acts as a medium, from the middle, between the person submitting the inconvenience and discomfort itself.

And ‘this is the most appropriate meaning that you can give to the word doctor. There is a doctor, no medicine, just as there is an individual with his discomfort, not a category of discomfort, generally considered.


We can consider the human being based on 3 levels: 1) an instinctive level, 2) an emotional level, and 3) an intellectual level. The integrated human being, which does not develop inconvenience psycho-physical is a human being that has a balance between these three levels.
For example we can have an individual who has a great sexual energy, but not outside because hampered by mental patterns: he will develop the inconvenience to the fact that the first and third levels are not aligned.
The function of each doctor is thus to facilitate the individual to be in a state of equilibrium, mediating between the individual and the discomfort through the use of the word, rituals, and natural substances.


What does the karma now?


Karma is an expression of the third law of Creation: “ What you put out is what you get back.”

The expression of the individuated consciousness in the plan is the dense physical body, which uses energy to manifest and manifest in reality. The soul, the individualized consciousness, when it is unheard, has no other way to talk that through the discomfort: it is part of the language of the soul. The psychological and physical discomfort is therefore a communication to the individuality of the soul that we are.
When we incarnate, we decide in consultation with the angelic entities, teachers and other interdimensional guides, as well as other souls who go to incarnate, what lessons we’re going to face in our physical life.
To use a musical metaphor, we determine which songs play, play with who, and at what volume play with that intensity. All this is the bargaining we have before the birth. It is made according to our karma soul: the issues on which we want to get to the bottom, making experience will be addressed in the physical life.
For example we can go to work on love as freedom and not as a possession, or we can go to work on innovation, when in fact we were related to issues of conservation in other lives.
Well, when we deviate from the plan that we have contracted soul, the soul manifests through the body, and psico-physical discomfort  that we communicate depending on the areas where this occurs, a message.
This message is then decrypted by the individual, through even the doctor, who, as we said before, steps in to act as a bridge between the needs and the soul-body-mind complex individual who addresses him.
The doctor is the one who karmic facilitates individual learning of his karmic lessons.
Can you explain to the person that his throat problem, for example, is due to his inability to express his truth. Or that his problem to trust others has resulted from the trauma of other lives, in which has been subjected to a painful slavery.
There are in particular of the moments of existence, which are precisely programmed in the pre-embodiment, which are the crossroads of energy extremely powerful and creative.
I’ve defined nodes synchronic.


https://consulenzespirituali.com/la-gaurigione-spirituale-nei-nodi-sincronici-the-spiritual-healing-in-the-synchronic-knots/


Of them you can have a memory, while you live, as if they have already happened. They are most commonly defined “deja vu”.
The medium-medical facilitator, he is also present in these moments. He is the one that the universe is responsible for containment of the great energies that are present in that synchronicity.
It ‘a time of healing.
May well emerge the ancient deposits of life experiences of the individual presenting the discomfort. It can happen, for example, that a woman memories of being violated by a man when she was little, and then, feeling guilty, has developed a disease punitive of her femininity, showing an evil in the organs associated with it.
The awareness of this information as it were “removed” in the subconscious of the person, can give the key to the unique healing soul can: forgiveness of yourself and others.
To stay in musical metaphor, we can say that through learning in the life of the karmic lesson, the individual can play other songs with other musicians and also changing the volume and intensity.
In other words can access the “box of potential possible,” and renegotiate its soul-lessons. This renegotiation is facilitated by the doctor karmic, which just reads in potential and makes the individual addresses to potential healing, inner connection and creativity.
It can be said that the manifestation of healing means that some events that could happen in a person’s life now take the place of other events, which bring a higher vibration: there is a sort of jump of the needle of the record, from one track to another.
The events that would take place, the people, the scenery changes. The lesson is outdated in an event, a singularity that the universe has made possible.
The person who has done wrong, for example, do not meet again, nor we will be faced with similar situations: with forgiveness karma is resolved, the lesson is integrated and we are free to embrace new possibilities.


https://consulenzespirituali.com/2014/04/06/messaggio-del-6-aprile-2014-paura-amore-e-la-danza-della-creazione-consapevole/


This is extremely challenging and creative: it is possible that even the very people that we have held, to become partners in the co-creation of innovative scenarios, thereby giving our souls the opportunity to learn lessons increasingly sophisticated, moving with elegance and sincerity , connection and pleasure in every situation.

Luca Karuna Ursillo

http://consulenzespirituali.com

__________

cropped-terra.jpg

– 5 febbraio – ESSERE OPERATORI RESPONSABILI NEL CAMBIAMENTO- 5 february – TO BE OPERATORS RESPONSIBLE IN THE CHANGE

namaste

Buongiorno a tutti le sorelle e i fratelli che sono qui a leggere.

Oggi vorrei fare un sunto diciamo così, di ciò che vuol dire essere degli operatori, dei canali del cambiamento.

Per la seconda Legge della Creazione, “Tutto è Uno, e Uno e Tutto”. Questa legge è incontrovertibile ed immutabile in tutta la Creazione.

Ovviamente questo vuol dire che siamo tutti Anima-li empatici, ed ogni singolo spostamento dell’energia in una parte del sistema cosmico va ad influenzare ogni singola Entità, appunto per questa Legge.

A livello planetario terrestre questa interdipendenza si fa sentire soprattutto a livello emotivo, non a caso l’informazione è manipolata proprio allo scopo di creare onde di energia emotiva che poi può essere incanalata in varie forme e direzioni.

Per quanto attiene invece il piano causale, quello delle idee, le interazioni più forti sono col sistema solare e col centro galattico: a seconda dello spazio che attraversiamo nel nostro vagare infinito, ci troviamo dentro aree di spazio interplanetario che mai abbiamo attraversato, ognuna con delle specifiche caratteristiche, misurabili anche a livello tecnico- scientifico.

Questa vuole essere una premessa per spiegare il contesto in cui, noi singole Entità operiamo.

VA DA SE’ CHE se una grande spinta di energia emotiva giunge su questo piano attraverso notizie artatamente drammatiche, dobbiamo responsabilmente chiederci quale sia il nostro ruolo come operatori del cambiamento.

Oppure a livello interplanetario: quante congiunzioni planetarie difficili arrivano che spo- stano tanta energia instabile e danno irritabilità alla popolazione terrestre.

Beh fari di luce, è qui che ci si appella interiormente al senso di responsabilità del cambiamento: questa attenzione deve essere posta su tre livelli.

– PULIZIA NEI PENSIERI

– BENEDIZIONI NELLA PAROLA

– GRATITUDINE NELLE AZIONI

E’ in questi tre piani, che ho così esemplificati che può essere fatto un valido lavoro in Luce.

Ognuno di noi ha da fare il suo, e tutti noi siamo sullo stesso piano in questo, ciascuno colle proprie specificità.

Per pulizia dei pensieri intendo dire soprattutto esercitarsi nel non giudizio, di sé (accettazione) e degli altri.

L’accettazione di sé, praticata per del tempo si rivolge automaticamente all’esterno come un riflesso. Ciò che vediamo, cose, persone, situazioni, non sono più oggetto del nostro sfogo, ma sono degli eventi o delle circostanze che passano davanti agli occhi senza un giudizio negativo.

Viene così a liberarsi una parte di energia, che è immagazzinata nel serbatoio creativo e gioioso dentro di noi, quello del bambino interiore, che desidera osservare o tutt’al più interagire in modo giocoso colla realtà circostante.

Dal non giudizio dunque si dipana un circolo virtuoso che può essere riassunto così:

NON GIUDIZIO-OSSERVAZIONE-INTERAZIONE GIOCOSA O COMPASSIONEVOLE.

Questo è del tutto naturale per il fatto che l’essere umano è naturalmente disposto alla interazione creativa colla realtà, o se esiste un dramma è naturalmente disposto alla compassione, che a mio avviso non deve essere fine a se stessa, ma un livello di interazione finalizzato alla trasformazione della situazione corrente.

Altre forme di pulizia dei pensieri sono il pensiero positivo e possibilista.

Esso è un grande aiuto ad esempio, quando una Entità incarnata è entrata in un circolo depressivo. Affermazioni del tipo: “non riuscirò mai in questo, sono un fallito”, possono pesantemente condizionare un individuo nella sua crescita evolutiva, arrestandolo in un circolo vizioso dove nulla pare possibile nella propria vita.

Praticando il pensiero positivo, è possibile uscire da questi circoli viziosi, come il pensiero depressivo.

Questo può avvenire attraverso la SOSTITUZIONE DEL PENSIERO.

Come funziona questo stumento ?

Ammettiamo che io dica dentro di me: ” nulla è possibile per me”. E se io ribalto il pensiero, cosa formulo dentro di me ? Ovviamente mi dico ” Tutto è possibile”.

Esotericamente a un livello interiore, questa formulazione, se ripetuta con convinzione risulta potentissima. Porta a risultati straordinari sia a livello pratico che a livello emotivo. L’universo è nato da un pensiero: tutta la realtà conoscibile nasce da un pensiero. E così, essendo frammenti di vita dell’Unico Creatore, con un giusto uso del Pensiero creiamo la nostra realtà.

Come è ovvio, esiste anche una giusta misura. Dentro di noi, quando formuliamo un pensiero positivo sostitutivo di una situazione interiore negativa, la mente razionale tende a dare un versione mediata di questo pensiero del tipo: ” oggi forse non ce la farò, forse nemmeno domani, ma senz’altro dopodomani cosi sarà”.

Questo è un ottimo pensiero che può essere formulato interiormente, e rappresenta un primo passo nell’esercizio del pensiero positivo. Questa tecnica positiva, è anche chiamata “Decreto”.

Le posizioni possibili a livello del pensiero sono queste che ho riassunto: giudizio, e quindi partecipazione al dramma; osservazione e quindi di conseguenza non giudizio; e trasformazione interiore ed esteriore della situazione oggettiva/soggettiva, attraverso l’immaginazione creativa e l’atteggiamento compassionevole finalizzato alla trasformazione di una situazione, e il pensiero positivo.

L’USO DELLA PAROLA

Analogamente la parola può essere utilizzata in vari modi, la parola può essere costruttiva, benedicente, distruttiva, o vagamente indifferente.

Certo ad un livello profondo non è mai indifferente, in quanto interiormente ad una parola indifferente corrispondono una pletora di significati ed emozioni.

La parola deve essere usata in modo costruttivo e benedicente: questo è lo scopo per cui la parola si è manifestata.

La parola è magia: è uno strumento molto potente col quale si costruiscono delle realtà. Esse possono essere gabbie o aprire i cieli della libertà alle persone.

Ogni parola è dunque una sorta di incantesimo, che porta con se un contenuto psichico potente. Facciamo sempre attenzione a come utilizziamo le parole, soprattutto quando siamo interiormente coinvolti in un combattimento interiore per motivi personali.

In queste circostanze cerchiamo di utilizzare il silenzio, al fine di ristabilre dentro di noi la pace interiore, e poi finalmente parlare.

Questo compito è uno dei più difficili da sostenere, per il fatto che l’essere umano naturalmente è disposto alla comunicazione verbale. Operare in luce, per il cambiamento siginifica anche “lavare i panni sporchi in famiglia”. E la famiglia di noi stessi, siamo noi. E’ un lavoro del tutto individuale, Dee e Dei, in cui attraverso l’intuito e la saggezza dell’anima nostra, dobbiamo mettere ordine tra i vari aspetti della personalità, per entrare in contatto col sè.

Da questa fonte, ogni parola è benedizione.

Meditazione, channeling, e altre forme di comunicazione colla propria interiorità sono tutte consigliate in un percorso volto a purificare il nostro veicolo verbale.

Bene. Facciamo una piccola pausa mentre respiriamo in queste parole.

….

….

NELLA GRATITUDINE, c’è la vera essenza della azione. Ogni gesto, ogni singolo gesto che compiamo, assume un diverso valore se compiuto nella gratitudine. Essa ci pone in relazione allo Spirito attraverso la Materia.

Lavarsi, muoversi, alimentarsi, con gratitudine libera delle energie che sono altresì nascoste se queste stesse azioni sono compiute in modo indifferente o accompagnate da sentimenti negativi.

Per fare un esempio: mangiare.

A prescindere dal tipo di alimentazione che ognuno di noi ha, esiste un livello ben differente di compiere questa azione a seconda del sentimento che lo accompagna.

Si può mangiare con rabbia, depressi, o con consapevolezza e gratitudine.

Mangiare ad un livello di consapevolezza di gratitudine, ci connette colle vera natura delle cose. Ogni Essere vivente, che sacrifica se stesso per darci alimento col suo corpo fisico, non è indifferente a questo avvenimento. A livello animico, se non individuale ma gruppale, la pianta, o l’animale sa dii essere mangiato per il sostentamento dell’uomo. E questo per la coscienza animica dell’Essere vivente mangiato è motivo di gratitudine.

Colla stessa gratitudine allora noi ci connettiamo col mondo animale o delle piante che ci hanno fornito l’alimento, e in questo modo onoriamo gli Esseri che ci hanno fornito questa occasione di crescita.

Tra l’altro, mangiare con gratitudine ci connette profondamente con il gusto del cibo ed anche col mondo emotivo da cui esso proviene.

OGNI AZIONE, dunque, può essere svolta con gratitudine, e il suo valore appare differente, non solo nella esteriorità, ma nelle profondità della sua carica spirituale.

Gli azione è incantesimo: stiamo a cavallo tra l’epoca dei pesci e l’epoca dell’acquario, che è epoca di magia. Diamo il giusto valore alle nostre azioni, sapendo che più entriamo in contatto colla profondità del gesto, più possiamo trasformare la nostra realtà individuale e collettiva, rendendola simile a i nostri più incantevoli sogni coi quali siamo giunti qui in questo piano terrestre, al fine di fare una formidabile esperienza fisica incarnata.

Vi ringrazio per avermi seguito fin qui, ci tenevo a fare un punto della situazione su cose sulle quali stiamo tutti ardentemente lavorando.

Pace.

Au revoir !!

Karuna

http://consulenzespirituali.com

http://movimentosovrano.blogspot.it/

http://www.ilmioprimoministro.it/

___________

Good morning to all the brothers and sisters who are here to read.

Today I would like to make a summary so to speak, of what it means to be the operators, channel change.

For the second Law of Creation, All is One, and One and All”. This law is incontrovertible and unchangeable in all Creation.

Obviously this means that we are all soul-li empathetic, and every single movement of energy in a part of the cosmic system goes to influence each individual entity, precisely for this Law.

A global terrestrial this interdependence is felt especially on an emotional level, not in case the information is manipulated precisely to create waves of emotional energy which can then be channeled into various forms and directions.

Regarding instead the causal plane, that of the ideas, the interactions are stronger with the solar system and with the galactic center: according to the space that we cross in our endless wandering, we find ourselves in areas of interplanetary space than ever we crossed, each with the specific characteristics, measurable level technical-scientific.

This wants to be a premise to explain the context in which we operate individual entities.

VA DA SE THAT if a big boost of emotional energy comes through on this plan artfully dramatic news, we must responsibly ask what is our role as a facilitator of change.

Or at interplanetary: how many planetary conjunctions difficult arrive that move Stano much energy unstable and irritability damage to the earth’s population.

Well beacons of light, it is here that we appeal to the inner sense of responsibility for change: this care should be taken on three levels.

CLEANING IN THOUGHTS

BLESSINGS IN THE WORD

GRATITUDE IN ACTION

E in these three stories, which I so exemplified that can be done a good job in Light.

Each of us has to do his, and we are all on the same level in this, each with his own specificity.

For cleaning of the thoughts I mean above all to practice non-judgment, self (acceptance) and others.

The self-acceptance, practiced for some time automatically turns on the outside like a reflection. What we see, things, people, situations, are no longer the subject of our outlet, but the events or circumstances that pass before my eyes without a negative judgment.

Is thus to free a part of energy, which is stored in the tank creative and joyful inside us, that of the inner child, who wants to watch or at least interact playfully with reality surrounding.

Since no judgment thus unfolds a virtuous circle that can be summarized thus:

NOT JUDGINGOBSERVATIONINTERACTION GIOCOSA OR COMPASSIONATE.

This is quite natural for the fact that human beings are naturally disposed to creative interaction with reality, or if there is a drama is naturally disposed to compassion, which in my opinion should not be an end in itself, but a level of interaction aimed at the transformation of the current situation.

Other forms of cleaning the thoughts are positive thinking and possibilist.

It is a great help, for example, when an entity embodied entered into a vicious depressive. Statements like: I will never in this, I am a failure“, can severely affect an individual in its evolutionary growth, stopping in a vicious circle where anything seems possible in their lives.

Practicing positive thinking, you can get out of these vicious circles, such as depressive thought.

This can be through the REPLACING THE THOUGHT.

How does this stumento?

We admit that I say to myself: nothing is possible for me.” And if I thought tilting, what I express in me? Of course I say “Everything is possible”.

Esoterically to an inner level, this formulation, if repeated with conviction is powerful. Leads to extraordinary results both on a practical level that on an emotional level. The universe was born from a thought: all knowable reality stems from a thought. And so, being fragments of life of the One Creator, with a fair use of the Thought we create our reality.

Obviously, there is also a right fit. Within us, when we formulate a positive thought replacement of an inner negative situation, the rational mind tends to give a mediated version of this thought like, “maybe today I will not make, maybe even tomorrow, but certainly tomorrow so will .

This is a great idea that can be formulated within, and is a first step in the exercise of positive thinking. This technique positive, is also called “Decree”.

Possible position at the level of thought are those that I summarized: judgment, and thus participation in the drama; observation and so consequently no judgment; and inner and outer transformation of the objective situation / subjective, through the creative imagination and compassionate attitude aimed at the transformation of a situation, and positive thinking.

USE OF THE WORD

Similarly, the word can be used in various ways, the word can be constructive, blessing, destructive, or vaguely indifferent.

Certainly at a deep level is never indifferent, because inwardly to a word indifferent match a plethora of meanings and emotions.

The word must be used constructively and blessing: that is the purpose for which the word occurred.

The magic word is: it is a very powerful tool with which you build realities. They can be cages or open skies of freedom to people.

Each word is a kind of spell, which brings with it a powerful psychic content. We always pay attention to how we use the words, especially when we are inwardly involved in an internal struggle for personal reasons.

In these circumstances, we try to use the silence in order to ristabilre within us inner peace, and then finally talk.

This task is one of the most difficult to support, to the fact that the human being is naturally disposed to verbal communication. Operate light, for change siginifica also wash your dirty linen in the family.” And the family of ourselves, we are. It a job completely individual, Goddesses and Gods, in which through the insight and wisdom of our soul, we must bring order between the various aspects of the personality, to get in touch with themselves.

From this source, every word is a blessing.

Meditation, channeling, and other forms of communication with the inner life are all recommended in a process that will purify our vehicle verbal.

Okay. Let’s take a little break and breathe in these words.

….

….

IN GRATITUDE, there is the very essence of action. Every gesture, every gesture we make, takes on a different value if done in gratitude. It puts us in relation to the Spirit through Matter.

Wash, move, eat, thankfully free of the energies that are also hidden if these same actions are performed indifferently or accompanied by negative feelings.

For example: eating.

Regardless of the type of power that each of us, there is a very different level to take this action, depending on the feeling that accompanies it.

You can eat with anger, depression, or with awareness and gratitude.

Eating at a level of awareness of gratitude, connects us glues true nature of things. Every living Being, who sacrifices himself to give us food with his physical body, is not indifferent to this event. A soul level, if not the individual but the group, the plant or the animal knows gods be eaten for the sustenance of man. And this for the soul consciousness of Being eaten alive is cause for gratitude.

With the same gratitude then we connect with the world animal or plant that we have provided food, and in this way we honor the Beings who have given us this opportunity for growth.

Among other things, eating gratefully connects us deeply with the taste of food and also with the emotional world from which it comes.

ANY ACTION, then, can be done with gratitude, and its value is different, not only in outward appearance, but in the depths of his spiritual charge.

The action is spell: we are in between the age of the fish and the era of the aquarium, which is the era of magic. We give the right value to our actions, knowing that the more we come into contact with the depth of the gesture, the more we can transform our individual and collective reality, making it similar to our most beautiful dreams with which we have come here in this earth plane, in order to make a formidable physical experience embodied.

Thank you for having me followed him here, I wanted to make a point of the situation of things on which we are all eagerly working.

Peace.

Au revoir !!

Karuna

http://consulenzespirituali.com

https://www.youtube.com/watch?v=ylZyVdB3uDY

[embed] http: // https: //www.youtube.com/watch? v = ylZyVdB3uDY [/ embed]

http://movimentosovrano.blogspot.it/

http://www.ilmioprimoministro.it/

Il Padre Nostro: svelamento di una preghiera occulta- The Our Father: unveiling of a prayer occult

invocazione2

Buonpomeriggio amici.

Oggi mi fa piacere offrirvi una personale rivisitazione della più popolare preghiera del cattolicesimo: il padre nostro. Nella tradizionale versione di questa preghiera noi leggiamo:

” Padre Nostro, che sei nei cieli

sia santificato il tuo nome,

venga il tuo Regno,

sia fatta la tua volontà,

come in cielo così in terra,

dacci oggi il nostro pane quotidiano,

rimetti a noi i nostri debiti,

come noi li rimettiamo ai nostri debitori,

e non ci indurre in tentazione,

ma liberaci dal male.

amen.”

Bene. Esaminiamola punto per punto.

Padre Nostro che sei nei cieli:

Il riferimento è al Creatore come Padre Celeste. Questo riferimento ci indica la nostra ascendenza celeste. In effetti noi siamo le quinta sottorazza della razza radice, la quinta dopo le successive semine da parte delle popolazioni stellari degli Andromediani, Orioniani, Pleiadiani, Siriani, solo per citarne alcuni. La semina della vita nei pianeti abitabili di terza dimensione funziona in questo modo: viene prelevata una specie in grado di ospitare anime più evolute, come nel caso della Terra sono stati gli esseri antropomorfi, e con opera di ingegneria genetica viene per cosi dire “soffiato lo spirito”. Vengono creati veicoli fisici di terza dimensione in grado di ospitare Anime più evolute. Quelli che sono in viaggio sono sempre gli stessi: Noi, e parti di Noi, che una volta siamo ospiti in un sistema stellare, un altra volta siamo ospiti in un altro sistema. E’ l’anima che si muove di esperienza in esperienza in una avventura infinita.
Sia santificato il tuo nome:
Questa santificazione è una focalizzazione sul nome del creatore/creatori, ovvero di coloro i quali sono stati artefici di ciò che ho detto poco prima. I nomi sono ovviamente celati, per il fatto che il padre nostro è una preghiera occulta. Ovviamente recitata da un cuore semplice si rivolge on ogni caso a Tutto Ciò Che E’, ovvero al cuore della Creazione, che è in ogni caso Luce/Amore.

Venga il tuo Regno:
Il riferimento in questo senso è il Regno dei Cieli: l’ascensione planetaria. Questo era il messaggio ed è ancora il messaggio dei mistici e dei profeti di ogni tempo. Ma ciò che non è chiarito che l’appuntamento all’ascensione planetaria non è prefissato in un tempo definito: è in primo luogo un appuntamento con se stessi. Il regno è dentro di noi: è la pace interiore, è la disidentificazione dalle forme, è l’ingresso al luogo senza tempo e spazio del regno interiore. Personalmente, sono giunto in questo piano fisico denso qualche tempo fa. I piani da dove provengo, da dove proveniamo, sono di diversa dimensione: siamo qui per fare esperienza in questa nave scuola che è Madre Terra. Il riferimento a madre terra nelle preghiere è fondamentale, in quanto è la materia che da forma allo spirito, come viene chiarito più avanti nella preghiera.
Sia fatta la tua volontà:
questo riferimento è relativo al Piano DIvino per la Terra: quello che i maestri e gli illuminati con corpo fisico conoscono e servono. C’è una duplice forza in contrapposizione che onora il gioco della dualità sul piano terreste. La stessa massoneria, dall’altro lato serve lo stesso gioco: gli oscuri hanno anche loro una funzione imprescindibile in questo senso. E’ dalla dinamica di queste due forze che si esplica il piano divino. RImettersi nelle mani del padre, nella volontà del padre è l’atto di fede che ci pone al Servizio del piano divino, dei maestri e delle forze angeliche. Nella attuale epoca acquariana, l’avatar che Serve la Terra è Il Maestro Asceso Saint Germain, il maestro dell’alchimia e della magia, della trasmustazione alchemica del piombo in oro. Il suo strumento è la Fiamma Viola. Una meditazione molto efficace per allinearsi alla volontà del padre, è immaginarsi o visualizzarsi circondati da un cilindro di fiamma violetta dai piedi alla testa, da dentro la terra, fin sopra al chakra della corona. Questa visualizzazione si puà fare ogni volta che ci si sente disconnessi colla propria interiorità.

Come in cielo così in terra:

Questo verso si riferisce alla materializzazione dello spirito e alla spiritualizzazione della materia. La volontà del Padre, del piano divino, si realizza tanto in cielo cosi in terra. “Come in alto, così in basso, come dentro così fuori”, si legge nel vangelo di Tommaso. Parole di Yeshua Ben Joseph. Chi si addentra nei misteri del Cielo, tanto dovrà affrontare quelli della Terra; chi indagherà all’esterno, tanto un giorno si troverà a fronteggiare il più grande mistero: il Sè. Ciò che è posto dentro di noi.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano:
Questo riferimento è esplicato in altri luoghi del vangelo in modo ancora più chiaro: il suo significato è non pensare al domani, ma limitarsi a vivere la vita giorno per giorno. “Gli uccellini non si chiedono se avranno da mangiare per domani, nè dove dormiranno: ma sanno in cuore loro che il Padre loro li servirà “, così disse Yeshua Ben Joseph, circa 2000 anni fa. E poi: “lasci che ogni giorno porti la sua pena “, disse ancora. Questo è il senso di questo riferimento.

Rimetti a noi i nostri debiti,
Come noi li rimettiamo ai nostri debitori:
Questo è l’esplicazione della terza Legge della Creazione, ovvero la legge del Karma: ciò si dà, quello si riceve. Quello che si semina, quello si raccoglie. Ci sono vari punti in cui si parla di questo nel vangelo. Se ne parla anche nei Veda, ed una Legge Universalmente valida. Il senso di questa Legge è la possibilità che dà il Creatore alla sue Creature di provare entrambe i lati della medaglia. Nella preghiera questo concetto è espresso in modo semplice ed immediato: non apppartiene a questo concetto in nessun modo il concetto di colpa. Il senso di colpa è un costrutto del tutto artificioso, elaborato dalla cultura politico/religiosa al fine di tenere asserviti gli individui al passato. Di fatto la elaborazione del karma, può avvenire non solo coll’esperienza, ma anche colla trasmutazione interiore. Tenere ancorati al passato gli individui col senso di colpa, tiene incastrati gli stessi nel ciclo della morte e della rinascita. I nodi karmici indivuali e collettivi possono essere gli stessi per migliaia di anni.
E non ci indurre in tentazione:
Questo verso ci rimanda direttamente alla Seconda Legge della Creazione, ovvero che Tutto è Uno e Uno è Tutto. Parto subito da un esempio: nel caso in cui io per la strada mi alzi la maglietta per mostrare il mio bel fisico, ovviamente posso indurre qualcuno/a a guardarmi. Questo attirare l’attenzione, porta la focalizzazione dell’attenzione del passante verso me. Il risultato è che la persona perde attenzione da se stessa, il passante, e toglie l’attenzione dal suo corpo e dalla sfera di Presenza, LA Shekinah, tutto intorno a se stessa e da se stessa. Questo è l’indurre in tentazione: far deviare le persone stimolando le debolezze dei sensi inferiori. Non c’è nulla neanche in questo caso, che abbia a che fare col senso di colpa. Tutto è Uno: il gioco degli incontri è una apparenza nel sogno chiamato vita, la Maya. E Uno è tutto: attraverso lo stato di Presenza si può entrare nel regno dei sensi superiori, trascendendo la materia ed entrando in contatto col mondo degli eteri e delle stelle. Questo verso è probabilmente il verso più esoterico, occulto del padre nostro.

Ma liberaci dal male:
Questo verso completa il precedente. Il suo significato è questo: possa la Luce divina che si esprime in Amore illuminare ogni angolo del mio Essere, portando la mia consapevolezza dai regni dei sensi inferiori a i regni dei sensi superiori, nel rispetto del Piano Divino per la Terra. E’ un riferimento alla parte scura, che non viene illuminata affidandosi a qualcuno in particolare, ma ascoltando la propria voce interiore che proviene da dentro, e che è Dio/Dea. Ognuno di Noi lo è, come frammento dell’infinita Creazione/ Creatore.

Amen.
Il riferimento qui è alla antica divinità Orioniana Ammon, adorata in Egitto. In luogo di quest chiusura, sarebbe meglio concludere la preghiera, l’invocazione alla Luce colla espressione: ” Così sia”, che non comprota la devozione a nessuno degli dei creatori, ma che porta il semplice affidamento alla bontà del Piano Divino.
Grazie, buonasera.

Luca Karuna Ursillo

https://consulenzespirituali.com/la-gaurigione-spirituale-nei-nodi-sincronici-the-spiritual-healing-in-the-synchronic-knots/

https://consulenzespirituali.com/biografia-spirituale/

__________

Good afternoon friends.

Today I am pleased to offer you a personal review of the most popular Catholic prayers: the Our ​​Father. In the traditional version of this prayer we read:

Our Father, who art in heaven

hallowed be your name,

Thy kingdom come,

Thy will be done,

as in heaven, so on earth,

Give us this day our daily bread;

And forgive us our trespasses,

as we forgive our debtors,

And lead us not into temptation,

but deliver us from evil.

amen.

Well. Examine it point by point.

Our Father who art in heaven:

The reference is to the Creator as the Heavenly Father. This reference shows us our heavenly ancestry. In fact we are the fifth sub-race of the root, the fifth after the successive sowings by the stellar populations of the Andromedans, Orions, Pleiadians, Sirians, just to name a few. The seed of life in the habitable planets in the third dimension works like this: a species is taken can accommodate more evolved souls, as in the case of the Earth were anthropomorphic beings, and work with genetic engineering is as it were blown the spirit. “Are created physical vehicles of the third dimension can accommodate most advanced Anime. Those who are traveling are always the same: We, and parts of us, once we are guests in a star system, another time we are guests in another system. And the soul that moves from one experience in a never-ending adventure.
Hallowed be thy name:
This sanctification is a focus on the name of the creator / creators, or of those who were the architects of what I said earlier. The names are obviously hidden by the fact that our father is a prayer occult. Obviously recited by a simple heart turns on each case to All That , or at the heart of creation, which is in any case Love / Light.
Thy kingdom come:
The reference in this sense is the kingdom of heaven: the planetary ascension. That was the message and is still the message of the mystics and prophets of all time. But what is not clear that the appointment planetary ascension is not fixed in a definite time: it is first and foremost an appointment with yourself. The kingdom is within us is inner peace, is the de-identification forms, is the entrance to the place without time and space of the inner realm. Personally, I have come into this dense physical plane some time ago. The plans where I come from, where we come from, are of different sizes, we are here to gain experience in this training ship that is Mother Earth. The reference to mother earth in prayer is essential, as is the material that gives shape to the spirit, as explained later in prayer.
Let your will be done:
This reference is relative to the Divine Plan for the Earth: what teachers and illuminated with the physical body know and serve. There is a two-fold force opposed that honors the game of duality on the terrestrial plane. The same Freemasonry, on the other hand serves the same game: the dark ones also have their essential function in this way. And the dynamics of these two forces is expressed the divine plan. Getting back into the hands of his father, the father’s will is the act of faith that puts us at the service of the divine plan, teachers and angelic forces. In the present Aquarian age, the avatar that serves the Earth is The Ascended Master Saint Germain, the master of alchemy and magic, alchemy trasmutation of lead into gold. His instrument is the Violet Flame. A very effective meditation to align with the will of his father, is to imagine or appear surrounded by a cylinder of violet flame from head to toe, from inside the earth, just above the crown chakra. This view is possible do whenever you feel disconnected with one’s own inner self.

As in heaven, so on earth:

This verse refers to the materialization of the spirit and the spiritualization of matter. The will of the Father, the divine plan is realized, whether in heaven so in earth. “As above, so below, as within so without,” we read in the Gospel of Thomas. Words of Yeshua Ben Joseph. Who delves into the mysteries of Heaven, so will have to face those of the Earth; who will investigate the outside, so one day you will face the greatest mystery: the Self. What has placed within us.
Give us this day our daily bread:
This reference is explicate in other places of the gospel even more clear: its meaning is not thinking about tomorrow, but simply living life day by day. The birds do not ask if they will have food for tomorrow or where they will sleep, but they know in their heart that they will serve the Father,” so said Yeshua Ben Joseph, about 2000 years ago. And then: “Let every day bring his punishment,” she said again. This is the meaning of this reference.
Forgive us our debts,
As we forgive our debtors:
This is the explanation of the third Law of Creation, or the law of Karma: what you give, what you receive. What you sow, you reap what. There are several points where we talk about this in the gospel. He speaks also in the Vedas, and a universally valid law. The meaning of this Act is the possibility that the Creator gives to his creatures to experience both sides of the coin. In the prayer that is expressed in a simple and immediate: not is related this concept in any way the concept of guilt. Guilt is a totally artificial construct, produced by the political culture / religion in order to keep people enslaved to the past. In fact, the processing of karma, can be done not only by experience, but also glue inner transmutation. Keep stuck in the past individuals with a sense of guilt, the same holds trapped in the cycle of death and rebirth. The karmic knots indivuali and collective can be the same for thousands of years.
And lead us not into temptation:
This verse refers directly to the Second Law of Creation, or that All is One and One is All. Childbirth suffered by an example: when I get up in the street t-shirt for me to show my beautiful body, obviously I can cause someone / look at me. This attract attention, brings the focus of attention of the passer-by to me. The result is that the person loses attention from itself, the passer-by, and takes away the attention from his body and the ball Presence, the Shekinah, everything around itself and from itself. This is the lead into temptation: to divert the people by stimulating the weaknesses of the lower senses. There is nothing even in this case, it has to do with guilt. All is One: the game of the meetings is an appearance in the dream called life, Maya. It is all one: through the state of Presence can enter the kingdom of higher senses, transcending the material and getting in touch with the world of the ethers and the stars. This verse is probably towards the more esoteric, occult of our father.
But deliver us from evil:
This verse completes the previous year. Its meaning is this: may the divine light that is expressed in love brighten every corner of my being, bringing my awareness from the realms of the senses inferior to the realms of the higher senses, in accordance with the Divine Plan for Earth. It a reference to the dark side, which is not illuminated by relying on anyone in particular, but listening to your inner voice that comes from within, and that is God / Goddess. Each of us it is, as a fragment of the infinite Creation / Creator.
Amen.
The reference here is to the ancient gods Orion Ammon, worshiped in Egypt. In place of that closure, it would be better to conclude the prayer, the invocation to Light glue expression: So be it, which is not relating with devotion to any of the creators, but which bears the simple reliance on the goodness of the Divine Plan.
Thank you, good evening.

Luca Karuna Ursillo

Le 4 Leggi della Creazione-The 4 Laws of Creation

Buongiorno a tutti.

Come promesso, oggi vi parlo delle quattro Leggi della Creazione, le leggi eternamente valide nel quale si esprime il Creatore/Creato nell’attuale Multi-verso. Forse in futuro cambierà, chissà…ahahà.

Vabbene, a parte le battute (?), le 4 Leggi della Creazione sono queste.

PRIMA LEGGE: Tu sei sempre stato, sei ora e sempre sarai.

Non esiste il non essere, l’Essere E’. Lo aveva già capito Parmenide, il filosofo Eleatico. Tutto esiste, ed esiste per sempre.

SECONDA LEGGE: Tutto è Uno, ed Uno è Tutto.

Il microcosmo contiene il macrocosmo, e nel cosmo è contenuto il piccolo. Quando si dice che Tutto è Uno, si dimentica di dire anche che Uno è Tutto. Cioè che dentro ognuno di noi, è celato il mistero dell’intero cosmo. Lo sapevano bene i Rishi che scrissero i Veda, i testi sacri induisti. Dentro di loro essi leggevano l’intera storia dell’Universo.

TERZA LEGGE: Ciò che si da, quello si riceve.

E’ quella che viene detta legge del karma, che è l’interpretazione più pulita di questo concetto Universale. Nel cattolicesimo questa legge è stata traviata ad uso e consumo dell’elite politiche attraverso il concetto di senso di colpa. Quello che si riceve lo si riceve per provare l’altra parte, dopo che si è dato. Semini ? Raccoglierai. Porti vento ? Raccoglierai tempesta. E’ semplicemente questo. Solo questo.

QUARTA LEGGE: Tutto è continuo mutamento, tranne le prime tre leggi.

Questa cosa fu ben espressa dal filosofo Eraclito, che la espresse nel famoso detto “Tutto scorre, niente rimane”. Il mutamento è la costante di Tutto il Multi-verso, di Tutte le anime nella grande avventura della vita. Tutte le leggi possono cambiare, tranne le prime tre.

Ora lascio la parola a Bashar, in un video di Darryl Anka:

eccolo qui____

Ciao !!

Karuna

https://consulenzespirituali.com/la-gaurigione-spirituale-nei-nodi-sincronici-the-spiritual-healing-in-the-synchronic-knots/

_____________

Good morning to all.

As promised, today I speak of the four Laws of Creation, eternally valid laws which expresses the Creator / Creation in the current Multiverse. Maybe it will change in the future, who knows … haha.

Alright, in all seriousness (?), The 4 Laws of Creation are these.

FIRST LAW: You have always been, are now and always will be.

There is not to be, the Being . He had already understood Parmenides, the Eleatic philosopher. Everything exists, and exists forever.

SECOND LAW: All is One and One is All.

The microcosm contains the macrocosm, the cosmos and the content is small. When we say that All is One, you forgot to also say that One is All. That is, within each of us, is hidden the mystery of the whole cosmos. They knew well the Rishis who wrote the Vedas, the sacred texts of Hindus. Inside them they read the entire history of the Universe.

THIRD LAW: What is to be, what you receive.

And what is called the law of karma, which is the cleanest interpretation of this concept Universal. In Catholicism, this law was misguided for the consumption of the elite policies through the concept of guilt. What you receive you receive it to prove the other hand, after which it is given. Seeds? Gather. Ports wind? Reap the storm. It ‘s just that. Just this.

FOURTH LAW: Everything is constantly changing, but the first three laws.

This thing was well expressed by the philosopher Heraclitus, who expressed in the famous saying “Everything flows, nothing remains.” Change is constant Everything Multi-verse, of all the souls in the great adventure of life. All laws may change, but the first three.

Now I leave the word to Bashar, Darryl Anka in a video:

here it is

[youtube = http: //www.youtube.com/watch? IVjHNOVNg70 v =]

ciao !!

Karuna

https://consulenzespirituali.com/la-gaurigione-spirituale-nei-nodi-sincronici-the-spiritual-healing-in-the-synchronic-knots/

La morte dell’ego: mito o realtà ?-The death of Ego, myth or reality ?

lord-buddha-prince-chand

Buon pomeriggio a tutti. Riprendiamo il discorso di ieri.

I maestri di ogni tempo sono sempre arrivati a conclusioni simili, pur partendo da motivi karmici differenti: prendiamo il Buddha per esempio. Egli arrivò a dissezionare talmente dentro di sè l’attimo da poter affermare prima e portare poi alle sue cellule l’impermanenza.

L’impermanenza di per sè è l’affermazione della vacuità del contenuto mentale. Come affermavo ieri, la mente di per sè non ha contenuto. Essa è solamente un disco rigido nel quali scriviamo dei programmi che ci servono per la nostra sopravvivenza.La nostra essità, la nostra essenza è senza alcuna definizione. Ogni definizione risulta essere una limitazione se ci identifichiamo nel gioco che essa comporta.

Per usare una metafora dei giorni nostri, la “manutenzione” della mente è importante, per il fatto che solamente se ne svuotiamo il contenuto, possiamo avere un sistema operativo che risulti utile.

Tutto il discorso fatto relativo alla mente, che altri chiamano l’ego, ovvero il senso dell’individualità è però da chiarire. La mente di per sè come dicevamo ieri, è un utile strumento, come il corpo: essi sono l’effigie fisca e la mente appunto, che è il sistema di memoria/operativo/analitico che occorre alla nostra anima per fare esperienza nel piano fisico della manifestazione terrestre.

“Uccidere l’ego”, si legge in alcune parti: l’ego. In verità senza ego non si sopravvive in questa dimensione fisica. L’ego è funzionale al mantenimento dell’individualità. Altra cosa è l’asservimento all’ego. Ovverossia la focalizzazione dell’intento all’esclusivo raggiungimento della sodisfazione dei bisogni naturali inferiori. Al contrario, come affermano I Maestri, se ogni parte interdimensionale di noi si integrasse dentro il corpo fisico, davvero sarebbe la fine dell’individualità tridimensionale. Il corpo si espanderebbe in luce ed in essa si fonderebbe.

Tornando alle forme di pensiero, principalmente sono due le forme che sono al servizio dell’uomo per fare la sua esperienza di trascendenza nel piano fisico. Il potere e il sesso. Entrambe le forme costituiscono delle potenti egregore che vanno trasmutate nel processo di evoluzione individuale.

Ambedue sono legate al senso di paura: la prima ad esempio è relativa in generale alla paura del domani e alla perdita del controllo. L’accumulo della ricchezza, che è una specificazione della forma pensiero del controllo è la risposta della mente alla paura riguardo alla sicurezza per il domani, ed ha origine nella raccolta agricola estiva per il periodo invernale, portata, ovviamente, ad un estremo parossistico.

L’osservazione del contenuto mentale, dunque, risulta uno strumento utile alla evoluzione individuale, in quanto mette in luce gli inganni della mente, delle sue strategie di sopravvivenza, e di come si possa trascendere il karma individuale, familiare, e collettivo, con la osservazione di se stessi.

Nel nocciolo di sè, non c’è attributo, non c’è definizione, non c’è dualità, se non il misterioso dualismo tra quel minimo di individualità che ci serve per identificarci come parte del tutto e il tutto stesso, che si esprime attraverso di noi. E’ questa la seconda legge della Creazione. Ma questo di questo tratteremo la prossima volta.

Spero di avervi dato modo di viaggiare con me anche oggi, come ieri.

Au revoir !!

Karuna

_____

https://consulenzespirituali.com/ferite-karmiche-karmic-wounds/

_____

Good afternoon, everyone. Let’s continue our talk yesterday.

The masters of all times have always come to similar conclusions, by starting different karmic reasons: we take the Buddha for example. He came to dissect so within himself the moment he could say first and then move to his cell impermanence.

The impermanence of itself is the affirmation of the emptiness of mental content. As I stated yesterday, the mind itself has no content. It is just a hard disk in which we write programs that we need for our survival. our essity, our essence is without any definition. Each definition turns out to be a limitation if we identify in the game that it entails.

To use a metaphor of our times, the maintenance” of the mind is important, if only for the fact that he emptied the contents, we can have an operating system that is useful.

All the speech made on the mind, which others call the ego, or the sense of individuality is, however, unclear. The mind itself as we said yesterday, it is a useful tool, as the body: they are the effigy fisic and mind in fact, that is the memory system / operational / analytical that it is necessary to our soul to gain experience in the physical plane the earthly manifestation.

“Killing the ego,” reads in parts: the ego. In truth without ego you do not survive in this physical dimension. The ego serves to maintain individuality. Another thing is the enslavement to the ego. the exclusive focus of the intent of achieving satisfaction to the needs of natural inferior. On the contrary, as stated by the Masters, if any part of interdimensional we would integrate into the physical body, really would be the end of individuality three-dimensional. The body would expand in light and in it was based.

Returning to the forms of thought, mainly there are two forms that are at the service of man to do his own experience of transcendence in the physical plane. The power and sex. Both forms are powerful cores that are transmuted in the process of individual evolution.

Both are linked to the sense of fear: the first example relates in general to the fear of tomorrow, and the loss of control. The accumulation of wealth, which is a specification of the form of thought control is the answer to the fear of mind about the security for the future, and has its origins in the agricultural harvest summer to winter time, flow rate, of course, to an extreme paroxysmal.

The observation of the mental content, therefore, is a useful tool for individual evolution, as it sheds light on the deceptions of the mind, its survival strategies, and how we can transcend karma individual, family, and community, with the observation of oneself.

In the core of himself, there is no attribute, there is no definition, there is no duality, if not the mysterious dualism between the minimum of individuality that we need to identify ourselves as part of the whole and the whole itself, which is expressed through us. And ‘This is the second law of Creation. But of this we will discuss this next time.

I hope you have a way to travel with me today, as yesterday.

Au revoir !!

Karuna