– 16 febbraio – Il cibo: nutrirsi in modo consapevole- 16 February – The food: paths of consciousness

 karuna

Parto da un assunto deciso: ogni individuo consapevole conosce quali sono le sue necessità riguardanti il cibo.

Un bambino si muove naturalmente verso il seno della mamma, e cosi’ in ogni specie animale ogni individuo conosce anche da adulto le proprie necessità.
La famiglia e la società pervertono il naturale approccio col cibo degli individui.
A livelli energetico ciascuno affinando le proprie capacità percettive può ritornare in grado di percepire su di se’ gli effetti del cibo.
Alcuni hanno vibrazioni piu’ raffinate, altre piu’ dense, ciascuno di essi comporta un effetto sul nostro sistema fisico ed energetico.
In questi giorni si fa un consumo rituale del cibo, cosi’ come il consumo del cibo nelle società occidentalizzate è rituale per la quasi totalità.
A livello sottile il consumo del cibo comporta un riequilibrio energetico delle vibrazioni di paura. Consumare cibo rassicura e porta un livellamento energetico coll’ambiente e le persone che lo consumano nella stessa circostanza.
Si puo’ affermare che l’individuo che vive costantemente nella luce, nel suo stato di grazia emotivo, fisico mentale e spirituale, non abbia bisogno di cibo alcuno. E ci sono le prove di individui che riescono a farlo. Dipende dal fatto che essi si nutrono direttamente della luce della Sorgente proveniente attraverso i piani sottili, che sono aperti senza distorsioni nel loro sistema energetico: essi li gestiscono secondo la loro volontà.
Peaceful-veg
Il consumo del cibo è quindi legato alla paura, negli individui con molte energie dense, e’ richiesto un consumo di cibi pesanti, che per attrazione col sistema energetico vengono incorporati.
picstitch
Ovviamente non è facile transitare da cibi piu pesanti vibrazionalmente a cibi piu leggeri o ad assenza di cibo senza avere elaborato gli schemi energetici che sono connessi al consumo di tale cibo. La dipendenza che si ha nei confronti di alcuni cibi significa che l’individuo non ha ancora incorporato il sistema energetico opposto alla carenza che il cibo va a colmare. Ad esempio la carne e’ connessa alla aggressività. I sensi delle persone che cercano carne sono solitamente ottusi. Essi non hanno sensi fini che facciano percepire loro l’odore di putrefazione sgradevole della carne. Questo perche’ essi hanno bisogno di risolvere temi relativi alla aggressivita’ e alla prevaricazione.
sette4
La purificazione da cibi densi, quindi seguira’ un percorso dei sensi e interiore, che portera’ l’individuo in connessione con un se stesso piu’ evoluto ed in grado di percepire gli effetti energetici del cibo sul sistema mente corpo.
Va da se’ che assume fondamentale importanza la auto osservazione dei propri pensieri ed emozioni in relazione al consumo dei singoli cibi. che pensieri si associano al consumo dei vegetali, dei cibi animali, e quali emozioni e sensazioni suscita esso.
Puo’ essere anche utile osservare le altre persone mangiare, per vedere come esse si rapportano ai vari cibi, o al cibo in genere. Si possono trarre molte informazioni utili sia sulla singole persone, sia sulle qualita’ dei vari cibi.
Infine per una corretta assunzione, quale che sia il nostro grado di consapevolezza riguardo al cibo, E’ importante benedire in qualsiasi forma il momento dell’assunzione del cibo, con una preghiera, un rituale, un intento luminoso. La benedizione ci servira’ ad entrare in connessione con noi stessi e col cibo che stiamo assumendo, aumentando il valore e la qualita’ del nostro sacro momento.
Spero di avervi fatto sentire l’argomento.
Grazie della lettura, namaste’.
We are a unity into the Source.
Karuna
____________

I start with an assumption decided: each individual aware knows what his needs regarding food. A child moves naturally towards the mother’s breast, and so ‘in each animal species each individual knows their needs as an adult.
The family and society pervert the natural approach with the food of individuals. At energy levels each honing their skills perceptual can return can sense about whether the effects of food. Some vibrations more ‘refined, other more’ dense, each of them involves an effect on our physical and energetic system.
These days you do a ritual consumption of food, so ‘as the consumption of food in Westernized societies ritual is almost entirely.
A subtle level consumption of food involves rebalancing energy vibration of fear. Consume food reassures and brings a leveling coll’ambiente energy and people who consume it in the same condition. You can ‘say that the individual who lives constantly in the light, in his state of grace emotional, physical, mental and spiritual, does not need any food. And there is evidence of individuals who fail to do so. Is because they feed directly light source coming through the subtle planes, which are open without distortions in their energy system: they run them according to their will.
The consumption of food is then linked to the fear, in individuals with a lot of energy dense, and required a consumption of heavy foods, which by attraction with the energy system are incorporated.
Obviously it is not easy to pass from foods heavier vibrationally foods more light, or a lack of food without having developed energy patterns that are associated with the consumption of this food. Dependence that has towards certain foods means that the individual has not yet incorporated the energy system opposite to the deficiencies which the food goes to fill. For example, the meat and ‘connected to the aggression. The senses of the people who seek meat are usually dull. They have no meaning for them to do they perceive the smell of rotting meat unpleasant. This is because ‘they need to resolve issues related to aggression’ and prevarication.
Purification by dense foods, then follow ‘a path of the senses and interior, which will bring’ the individual in connection with himself more ‘evolved and able to perceive the energetic effects of food on the mind body system.
It goes without saying that assumes paramount importance the self-observation of one’s thoughts and emotions in relation to the consumption of individual foods. thoughts that are associated with the consumption of vegetable, animal foods, and what emotions and feelings it arouses.
Can ‘be also useful to observe other people eat, to see how they relate to various foods, or food in general. One can draw a lot of useful information on both individuals, both on the quality ‘of various foods.
Finally, for a correct assumption, whatever our level of awareness about food, And important blessing in any form the time of food, with a prayer, a ritual, a bright intent. The blessing we serve ‘to get in connection with ourselves and with the food we are taking, increasing the value and qualityof our sacred moment.
I hope I’ve made you feel the topic.


Thanks for reading, namaste .

We are in unity into the Source.
Karuna
_______________

Canalizzazione 6 MARZO 2014: COME MANIFESTARE LA TUA REALTA’

Immagine

Quello che sto per scrivere non è rivolto ad ottenere una ipnosi nei vostri confronti e ad esercitare un potere nei vostri confronti, ma solo a condividere un messaggio in parte mentale in parte canalizzato dal mio sè superiore.

Parliamo stasera della comunicazione REALE.

Cosa ci comunichiamo realmente quando effettuiamo degli scambi verbali ? Come scegliamo le parole in una conversazione ? Questo è un tema molto delicato.

Spesso, vi sarà capitato, di scambiare parole con una persona e di rendervi conto che quello che vi state scambiando è distante dalle vere parole del vostro cuore. Vi rendete conto che le conversazione che avete, reali, telematiche o telefoniche stanno toccando altri tasti rispetto alla realtà di quello che in profondità sta avvenendo dentro di voi.

Dovete sapere, amati fratelli e sorelle, che ogni scambio che voi avete con un altro è estremamente creativo della vostra realtà, in quanto ciò che dite ed affermate nel profondo del vostro cuore tende a divenire realtà, cioè a manifestarsi. Ecco perché è importante che il vostro canale energetico e comunicativo sia quanto più pulito possibile, in modo che le parole che sorgono dal voi siano suggerite dalla profondità del vostro essere.

Il movimento energetico della comunicazione è molto importante che avvenga dal centro del vostro cuore. La mente inizialmente potrà meravigliarsi di ciò che dite, e potrà anche non riconoscere quello che viene detto in questo modo.
Quante volte vi capita di salutare qualcuno o di essere salutati ed in cuore vostro risuonano le parole di una maledizione o di una offesa, piuttosto che di una vero saluto ? Oppure: quante volte salutate qualcuno e in terza lingua (come dice Kryon), cioè con la voce del vostro cuore, e dite qualcosa che è del tutto estraneo a ciò che avete appena esclamato verbalmente ?

Questa difformità del messaggio esternato e del messaggio reale è determinato dalla presenza della vostra sensibilità che recepisce all’interno della relazione qualcosa che va direttamente dentro la natura del rapporto che si è instaurato a livello sottile con la persona con cui interagite. Il vostro sistema recepisce il messaggio urgente all’interno della relazione. Allora potrete sentire una voce, a livello del vostro cuore, a livello del vostro timo, la ghiandola che è posta davanti al cuore. In essa si formulano i pensieri del cuore. Il processo funziona così. Col vostro terzo occhio, la ghiandola pineale, ricevete le informazioni dal terzo occhio della persona o del gruppo di persone con cui interagite. Entrati in risonanza con questo messaggio il vostro cuore sente la risposta. Potrà a questo punto uscire un “ciao”, “un che tempo fa” dalla vostra bocca, ma il messaggio reale che sottende a tutta la conversazione sarà stato recapitato e sentito dall’altra parte, ed esso fungerà da sotto-testo a tutta la conversazione che si svolgerà tra di voi e il vostro interlocutore. Questo messaggio finché non viene trasformato consapevolmente, attraverso l’emersione verbale nella conversazione oppure attraverso la saggezza della dimenticanza della vostra anima, rimarrà in situazione di “ribattimento” tra di voi e gli altri. Cioè un “sotto-testo” o viene esplicitato verbalmente, oppure viene trasmutato, perché è un lavoro che voi già avete compiuto da soli.
Ecco perché è importante in ogni momento essere connessi alla voce vera del vostro cuore; in modo tale ciò che direte, e che determina la vostra realtà, sarà continuamente reso manifesto e la mente potrà essere libera da residui ipnotici incoscienti trattenuti dalla vostra mente.
La legge di manifestazione della realtà densa fa si che il vostro pensiero si traduca in parole ed azioni, creando al vostra realtà. Ecco perché è importante che il sesto centro, il terzo occhio sia allineato col vostro quarto centro, il cuore, in modo che il piano verticale si incroci con quello orizzontale nel centro della saggezza del vostro momento di presenza.
Poi, con questa chiarezza attrarrete quelle esperienze che avete bisogno di vivere per trarne la saggezza che desiderate. E cosi via fino ad esaurire tutte le esperienza fino a che non desidererete piu rimanere in questo piano di densità. Riconoscete ed accettate amati maestri, la voce del vostro cuore., qualsiasi cosa dica, anche se la mente possa ritenerla atroce o indesiderabile. Essendo coscienti di questo sarete sempre in linea con le vostre creazioni.
Avete mai fatto caso di come la vostra attenzione spesso durante un dialogo sia attirata più dai gesti dell’interlocutore o vostri invece che dalle parole ? Questo accade perché ciò che è detto attraverso i gesti esprime un piano di verità più profondo e reale rispetto al piano mentale che manifesta le mere parole. Fateci caso. Fate caso a quanto viene detto attraverso le parole, quanto viene detto attraverso i gesti o gli sguardi, quanto vi arriva attraverso il terzo occhio come forme di pensiero dell’interlocutore, quanto dice il vostro cuore, oltre che alla successione logica delle parole o del ragionamento. Siate consapevoli di ciò che viene detto al di là delle parole in ogni momento. E a quanto dite voi al di là delle parole.

Se sarete consapevoli fino in fondo di ciò che dite realmente, la creazione della vostra realtà di vita alla fine del processo di allineamento, non conoscerà ostacoli. Ascoltando la vostra voce del cuore e connettendola alla capacità di focalizzazione del vostro terzo occhio, manifesterete ciò che desiderate senza alcuna difficoltà. Alla fine delle esperienza potrete ascendere ad altri piani di realtà, poiché avrete manifestato tutto ciò che avete consapevolmente desiderato, pur se essa sia stata una malattia ad esempio o un successo. Non esiste giudizio sul piano della manifestazione, poiché la divinità che voi site non fa distinzioni tra bene a male, giusto o ingiusto, adeguato o inadeguato. Tutto è esperienza, tutto è vostra creazione, voi siete dio, dea in azione. Siate consapevoli. Siete amatissimi.

Namastè

Noi siamo Unità nella Sorgente

https://consulenzespirituali.wordpress.com/consulenze-spirituali-e-channeling-gratuiti/

https://consulenzespirituali.wordpress.com/biografia-spirituale/

23 GENNAIO 2014: LA VOCE DEL CUORE (BY KARUNA)

Immagine

 

Buonasera amatissimi fratelli.

Quello che sto per scrivere non è rivolto ad ottenere una ipnosi nei vostri confronti e ad esercitare un potere nei vostri confronti, ma solo a condividere un messaggio in parte mentale in parte canalizzato dal mio sè superiore. Parliamo stasera della comunicazione reale.

 

Cosa ci comunichiamo realmente quando effettuiamo degli scambi verbali ? Come scegliamo le parole in una conversazione ? Questo è un tema molto delicato. Spesso, vi sarà capitato, di scambiare parole con una persona e di rendervi conto che quello che vi state scambiando è distante dalle vere parole del vostro cuore. Vi rendete conto che le conversazione che avete, reali, telematiche o telefoniche stanno toccando altri tasti rispetto alla realtà di quello che in profondità sta avvenendo dentro di voi.

Dovete sapere, amati fratelli e sorelle, che ogni scambio che voi avete con un altro è estremamente creativo della vostra realtà, in quanto ciò che dite ed affermate nel profondo del vostro cuore tende a divenire realtà, cioè a manifestarsi.

Ecco perché è importante che il vostro canale energetico e comunicativo sia quanto più pulito possibile, in modo che le parole che sorgono dal voi siano suggerite dalla profondità del vostro essere.

Il movimento energetico della comunicazione è molto importante che avvenga dal centro del vostro cuore. La mente inizialmente potrà meravigliarsi di ciò che dite, e potrà anche non riconoscere quello che viene detto in questo modo.
Quante volte vi capita di salutare qualcuno o di essere salutati ed in cuore vostro risuonano le parole di una maledizione o di una offesa, piuttosto che di una vero saluto ? Oppure: quante volte salutate qualcuno e in terza lingua (come dice Kryon), cioè con la voce del vostro cuore, dite qualcosa che è del tutto estraneo a ciò che avete appena esclamato verbalmente ?

Questa difformità del messaggio esternato e del messaggio reale è determinato dalla presenza della vostra sensibilità che recepisce all’interno della relazione qualcosa che va direttamente dentro la natura del rapporto che si è instaurato a livello sottile con la persona con cui interagite.

Il vostro sistema recepisce il messaggio urgente all’interno della relazione. Allora potrete sentire una voce, a livello del vostro cuore, a livello del vostro timo, la ghiandola che è posta davanti al cuore. In essa si formulano i pensieri del cuore. Il processo funziona così. Col vostro terzo occhio, la ghiandola pineale, ricevete le informazioni dal terzo occhio della persona o del gruppo di persone con cui interagite. Entrati in risonanza con questo messaggio il vostro cuore sente la risposta. Potrà a questo punto uscire un “ciao”, “un che tempo fa” dalla vostra bocca, ma il messaggio reale che sottende a tutta la conversazione sarà stato recapitato e sentito dall’altra parte, ed esso fungerà da sotto-testo a tutta la conversazione che si svolgerà tra di voi e il vostro interlocutore. Questo messaggio finché non viene trasformato consapevolmente, attraverso l’emersione verbale nella conversazione oppure attraverso la saggezza della dimenticanza della vostra anima, rimarrà in situazione di “ribattimento” tra di voi e gli altri. Cioè un “sotto-testo” o viene esplicitato verbalmente, oppure viene trasmutato, perché è un lavoro che voi già avete compiuto da soli.
Ecco perché è importante in ogni momento essere connessi alla voce vera del vostro cuore; in modo tale ciò che direte, e che determina la vostra realtà, sarà continuamente reso manifesto e la mente potrà essere libera da residui ipnotici incoscienti trattenuti dalla vostra mente.

La legge di manifestazione della realtà densa fa si che il vostro pensiero si traduca in parole ed azioni, creando al vostra realtà.

Ecco perché è importante che il sesto centro, il terzo occhio sia allineato col vostro quarto centro, il cuore, in modo che il piano verticale si incroci con quello orizzontale nel centro della saggezza del vostro momento di presenza. Poi, con questa chiarezza attrarrete quelle esperienze che avete bisogno di vivere per trarne la saggezza che desiderate. E cosi via fino ad esaurire tutte le esperienza fino a che non desidererete piu rimanere in questo piano di densità.

Riconoscete ed accettate amati maestri, la voce del vostro cuore., qualsiasi cosa dica, anche se la mente possa ritenerla atroce o indesiderabile. Essendo coscienti di questo sarete sempre in linea con le vostre creazioni.

Avete mai fatto caso di come la vostra attenzione spesso durante un dialogo sia attirata più dai gesti dell’interlocutore o vostri invece che dalle parole ? Questo accade perché ciò che è detto attraverso i gesti esprime un piano di verità più profondo e reale rispetto al piano mentale che manifesta le mere parole. Fateci caso. Fate caso a quanto viene detto attraverso le parole, quanto viene detto attraverso i gesti o gli sguardi, quanto vi arriva attraverso il terzo occhio come forme di pensiero dell’interlocutore, quanto dice il vostro cuore, oltre che alla successione logica delle parole o del ragionamento. Siate consapevoli di ciò che viene detto al di là delle parole in ogni momento. E a quanto dite voi al di là delle parole. Se sarete consapevoli fino in fondo di ciò che dite realmente, la creazione della vostra realtà di vita alla fine del processo di allineamento, non conoscerà ostacoli. Ascoltando la vostra voce del cuore e connettendola alla capacità di focalizzazione del vostro terzo occhio, manifesterete ciò che desiderate senza alcuna difficoltà. Alla fine delle esperienza potrete ascendere ad altri piani di realtà, poiché avrete manifestato tutto ciò che avete consapevolmente desiderato, pur se essa sia stata una malattia ad esempio o un successo.

Non esiste giudizio sul piano della manifestazione, poiché la divinità che voi site non fa distinzioni tra bene a male, giusto o ingiusto, adeguato o inadeguato. Tutto è esperienza, tutto è vostra creazione, voi siete dio, dea in azione.

Siate consapevoli. Siete amatissimi.

Namastè

Noi siamo Unità nella Sorgente

Messaggio del 21 gennaio 2012: LA COMUNICAZIONE RELAZIONALE E LA VOCE REALE DEL CUORE nel processo di allineamento del Sè e della manifestazione.

Immagine

Buonasera amatissimi fratelli. Quello che sto per scrivere non è rivolto ad ottenere una ipnosi nei vostri confronti e ad esercitare un potere nei vostri confronti, ma solo a condividere un messaggio in parte mentale in parte canalizzato dal mio sè superiore. Parliamo stasera della comunicazione reale.

Cosa ci comunichiamo realmente quando effettuiamo degli scambi verbali ? Come scegliamo le parole in una conversazione ? Questo è un tema molto delicato. Spesso, vi sarà capitato, di scambiare parole con una persona e di rendervi conto che quello che vi state scambiando è distante dalle vere parole del vostro cuore. Vi rendete conto che le conversazione che avete, reali, telematiche o telefoniche stanno toccando altri tasti rispetto alla realtà di quello che in profondità sta avvenendo dentro di voi.
Dovete sapere, amati fratelli e sorelle, che ogni scambio che voi avete con un altro è estremamente creativo della vostra realtà, in quanto ciò che dite ed affermate nel profondo del vostro cuore tende a divenire realtà, cioè a manifestarsi. Ecco perché è importante che il vostro canale energetico e comunicativo sia quanto più pulito possibile, in modo che le parole che sorgono dal voi siano suggerite dalla profondità del vostro essere. Il movimento energetico della comunicazione è molto importante che avvenga dal centro del vostro cuore. La mente inizialmente potrà meravigliarsi di ciò che dite, e potrà anche non riconoscere quello che viene detto in questo modo.
Quante volte vi capita di salutare qualcuno o di essere salutati ed in cuore vostro risuonano le parole di una maledizione o di una offesa, piuttosto che di una vero saluto ? Oppure: quante volte salutate qualcuno e in terza lingua (come dice Kryon), cioè con la voce del vostro cuore, e dite qualcosa che è del tutto estraneo a ciò che avete appena esclamato verbalmente ? Questa difformità del messaggio esternato e del messaggio reale è determinato dalla presenza della vostra sensibilità che recepisce all’interno della relazione qualcosa che va direttamente dentro la natura del rapporto che si è instaurato a livello sottile con la persona con cui interagite. Il vostro sistema recepisce il messaggio urgente all’interno della relazione. Allora potrete sentire una voce, a livello del vostro cuore, a livello del vostro timo, la ghiandola che è posta davanti al cuore. In essa si formulano i pensieri del cuore. Il processo funziona così. Col vostro terzo occhio, la ghiandola pineale, ricevete le informazioni dal terzo occhio della persona o del gruppo di persone con cui interagite. Entrati in risonanza con questo messaggio il vostro cuore sente la risposta. Potrà a questo punto uscire un “ciao”, “un che tempo fa” dalla vostra bocca, ma il messaggio reale che sottende a tutta la conversazione sarà stato recapitato e sentito dall’altra parte, ed esso fungerà da sotto-testo a tutta la conversazione che si svolgerà tra di voi e il vostro interlocutore. Questo messaggio finché non viene trasformato consapevolmente, attraverso l’emersione verbale nella conversazione oppure attraverso la saggezza della dimenticanza della vostra anima, rimarrà in situazione di “ribattimento” tra di voi e gli altri. Cioè un “sotto-testo” o viene esplicitato verbalmente, oppure viene perdonato, perché è un lavoro che voi già avete compiuto da soli.
Ecco perché è importante in ogni momento essere connessi alla voce vera del vostro cuore; in modo tale ciò che direte, e che determina la vostra realtà, sarà continuamente reso manifesto e la mente potrà essere libera da residui ipnotici incoscienti trattenuti dalla vostra mente.
La legge di manifestazione della realtà densa fa si che il vostro pensiero si traduca in parole ed azioni, creando al vostra realtà. Ecco perché è importante che il sesto centro, il terzo occhio sia allineato col vostro quarto centro, il cuore, in modo che il piano verticale si incroci con quello orizzontale nel centro della saggezza del vostro momento di presenza.
Poi, con questa chiarezza attrarrete quelle esperienze che avete bisogno di vivere per trarne la saggezza che desiderate. E cosi via fino ad esaurire tutte le esperienza fino a che non desidererete piu rimanere in questo piano di densità. Riconoscete ed accettate amati maestri, la voce del vostro cuore., qualsiasi cosa dica, anche se la mente possa ritenerla atroce o indesiderabile. Essendo coscienti di questo sarete sempre in linea con le vostre creazioni.
Avete mai fatto caso di come la vostra attenzione spesso durante un dialogo sia attirata più dai gesti dell’interlocutore o vostri invece che dalle parole ? Questo accade perché ciò che è detto attraverso i gesti esprime un piano di verità più profondo e reale rispetto al piano mentale che manifesta le mere parole. Fateci caso. Fate caso a quanto viene detto attraverso le parole, quanto viene detto attraverso i gesti o gli sguardi, quanto vi arriva attraverso il terzo occhio come forme di pensiero dell’interlocutore, quanto dice il vostro cuore, oltre che alla successione logica delle parole o del ragionamento. Siate consapevoli di ciò che viene detto al di là delle parole in ogni momento. E a quanto dite voi al di là delle parole. Se sarete consapevoli fino in fondo di ciò che dite realmente, la creazione della vostra realtà di vita alla fine del processo di allineamento, non conoscerà ostacoli. Ascoltando la vostra voce del cuore e connettendola alla capacità di focalizzazione del vostro terzo occhio, manifesterete ciò che desiderate senza alcuna difficoltà. Alla fine delle esperienza potrete ascendere ad altri piani di realtà, poiché avrete manifestato tutto ciò che avete consapevolmente desiderato, pur se essa sia stata una malattia ad esempio o un successo. Non esiste giudizio sul piano della manifestazione, poiché la divinità che voi site non fa distinzioni tra bene a male, giusto o ingiusto, adeguato o inadeguato. Tutto è esperienza, tutto è vostra creazione, voi siete dio, dea in azione. Siate consapevoli. Siete amatissimi.

Namastè

Noi siamo Unità nella Sorgente

Messaggio dell’ 8 aprile 2013: VERSO UNA SUPER SOCIETA’

Immagine

Amici è dalla centratura della maestria interiore che vi parlo.

Tante nuove e antiche conoscenze sono disponibili oggi, riprese dal passato più o meno recente e avallate dalla fisica contemporanea. E’ possibile scaricare informazioni dal Campo Unificato attraverso l’intento, utilizzando la connessione mediante le ghiandole epifisaria e pineale del vostro cervello. E’ possibile produrre energia con metodi nuovi, sfruttando l’elettromagnetismo e con altri metodi.

La conoscenza della biologia sta avallando delle predizioni fatte da entità angeliche connesse al piano terrestre (Kryon) che ci hanno preannunciato la trasformazione del nostro patrimonio genetico in forme più evolute e complesse.

Possiamo utilizzare poteri come la telepatia, la chiaroveggenza e la canalizzazione. E molto altro ancora.

Sembrerebbe che siamo pronti a un salto quantico nel mondo comune di percepire e vivere il mondo, ma questo tarda ad avvenire. Come mai ?

L’EVOLUZIONE DELLA SOCIETA’ DIPENDE DALLA NOSTRA CAPACITA’ DI VIVERE IL MOMENTO PRESENTE.

Nel mondo che viviamo sono presenti molte forze contrastanti che fanno capo alla manifestazione della duplice tendenza del complesso sistema umano di creare e di distruggere. Siamo grandi ideatori: riusciamo a immaginare ogni tipo di apertura nella nostra vita, ma dobbiamo fare i conti con una realtà a volte molto stringente. E non riusciamo a fare evolvere la nostra vita per come comprendiamo ed intuiamo che debba essere.

Queste forze di contrasto, sono il terreno in cui dobbiamo sviluppare le nuove tendenze, e sono la nostra prova.

Parliamo ora di come funzionano le relazioni.

Quando interagiamo colle altre persone esistono più livelli di comunicazione e di comprensione. Esiste un livello prettamente razionale, che utilizza categorie già esistenti per dare una classificazione dei dati che riceviamo dall’esterno. In effetti essa è la più grossolana, in quanto si basa sulla paura di riconoscere l’altro in tutta la sua dignità e potere energetico. La paura di non riuscire a controllare la situazione ed i nostri impulsi ci fa agganciare a clichè sociali, attraverso i quali possiamo canalizzare i nostri impulsi inferiori in una zona di comfort, un fascia di sicurezza che detta i nostri pensieri, parole e azioni. E’ come mettere una moderazione ai contenuti vitali, per paura che essi non siano accettati o riconosciuti, che è dunque paura del giudizio.

Poi esiste un livello percettivo o intuitivo, che rappresenta la nostra parte più diretta, quella che  SA aldilà delle parole dette, o delle azioni compiute da noi o dalle persone colle quali interagiamo. Questa area è colma di informazioni intuitive, di sensazioni fisiche, e di percezioni emotive, ed è quella che ci fa sentire connessi e vivi.

In questa zona percettiva è possibile sperimentare molte percezioni sottili riguardanti le persone e i luoghi e noi stessi, e le situazioni.

La validità di queste percezioni come fenomeni predittivi e rappresentativi della realtà più materiale dipende dal nostro grado di connessione con noi stessi, col nostro sé, colla nostra guida interiore. Quanto più ci rendiamo vuoti di contenuti passati, ovverossia liberiamo il nostro spazio interiore da passate emozioni e pensieri, quanto più siamo in grado di percepire meglio ciò che ci circonda grazie alla nostra percettività. Essa si basa sul vivere la situazione presente con la massima apertura possibile.

Quando invece noi portiamo in memoria passati programmi, che abbiamo caricati dentro come schemi di comportamento, saremo in una fase operativa in cui le energie sono focalizzate nel compimento di una azione, anche mentale, che ci distoglie dalla piena percezione del momento. A tal fine è possibile compiere una serie di utili esercizi per accrescere la propria percettività. Di questo parleremo nei prossimi messaggi.

La presenza di programmi operativi funziona da filtro delle percezioni, emozioni e informazioni presenti; essi le distorcono in funzione del programma caricato.

Se ad esempio sto correndo su una strada al fine di fare in fretta, avrò informazioni e percezioni diverse di se sto facendo una passeggiata rilassata senza essere concentrato su niente in particolare. Una stessa scena che mi passa davanti sarà elaborata in maniera diversa a seconda dei due stati. Lo stato di quiete interiore è quello indicato per avere in purezza le informazioni e le percezioni riguardo il campo informativo.

Per la creazione di un super-società è necessario che la maggior parte dei suoi elementi siano in stato di percettività aperta.

Se questo accadesse dall’oggi al domani gli scambi tra le persone sarebbero improntati alla verità e alla collaborazione.

Sorgerebbero ovunque idee nuove e creative, si abbandonerebbero i vecchi schemi del passato e rifiorirebbe l’uomo.

Il secondo elemento necessario al funzionamento del sistema informativo del Campo è quello della fiducia interiore, come ho già parlato nei messaggi precedenti. Fiducia in sé vuol dire che non si nega mentalmente nulla dei contenuti percettivi ricevuti attraverso la connessione interiore. Spesso neghiamo dei contenuti per paura di quello che abbiamo ricevuto, per giudizi relativi a esso o per timore della nostra incolumità fisica. Quando impareremo a fidarci in modo incondizionato e a stare in apertura questa sarà la base di una nuova società, in cui il rispetto, l’amore e la condivisione saranno i figli dell’azione basata sul momento ora.

 

Namastè

 

Noi siamo Unità nella Sorgente