Nella tua profondità/In your depth

consapevolezza3

Non temere, non temere mai. Quand’anche una lunga scura ombra si profilasse sul tuo cammino, non temere. La tua essenza non può essere toccata da niente. Quando sei ancorato nella tua profondità, le circostanze della vita, la vita stessa o la sua fine non hanno alcuna importanza.

Il dramma può essere sempre osservato per quello che è: energia disarmonica che tende alla risoluzione. Sii centrato. Tu sei, sei sempre stato e sempre sarai, tutto il resto muta incessantemente.

Osserva lo scenario davanti a te,  fai le tue scelte senza dipendere da nessuno.

In questa forma puoi manifestare ogni abbondanza quando ti riconosci nell’essenza che sei. Il creatore della tua vita in ogni sfumatura.

Sii consapevole sempre dei livelli a cui sei connesso, e fai in modo che la tua volontà si esprima in maniera chiara, semplice e diretta.

Sii limpido come un cielo di fronte al dramma e alle proiezioni altrui, e mantieni sempre la tua integrità. Ciò che avrai perseguito colla tua volontà e con chiaro intento, lo otterrai.

Non ancorarti nemmeno a ciò che ottieni, o alla tua posizione. Sono solo espressioni transitorie dell’infinito in una forma.

Ama essere audace, ama seguire, a dispetto della confusione del mondo, la strada verso l’eternità.

Altares e Madrahal

Il messaggio che portiamo/The message we bring

_____________

images21OWFOYJ

Fear not, never fear. Even when a long dark shadow is profiled on your path, fear not. Your essence cannot be touched by anything. When you are anchored in your depth, the circumstances of life, life itself or its end have no importance.
The drama can always be observed for what it is: disharmonic energy that tends to resolution. Be centered. You are, you have always been and always will be, everything else changes incessantly.
Look at the scenery in front of you, make your own choices without depending on anyone.
In this form you can manifest every abundance when you recognize in the essence that you are. The creator of your life in every nuance.
Always be aware of the levels to which you are connected, and make sure that your will expresses itself in a clear, simple and straightforward way.
Be clear as a sky in the face of the drama and the projections of others, and always keep your integrity. What you have pursued your will and with clear intent, you’ll get it.
Don’t even anchor yourself to what you get, or your position. They are only transient expressions of infinity in a form.
He loves to be daring, he loves to follow, in spite of the confusion of the world, the road to eternity.

Altares e Madrahal

about us

Annunci

Amare senza limiti

Farfalla e catene[1]

Il doppio punto di questi giorni è questo: il primo è in relazione sul significato vero della vita in questo piano. Su questo possiamo dire che nessuno ha compreso ancora.
Questa incomprensione deriva dal fatto che ognuno vuole nutrire se stesso senza considerare i limiti che derivano dal fatto che egli pone agli altri pensando al solo suo nutrimento.
Il secondo punto è questo: nei casi in cui una relazione di vero amore si attua, in un secondo tempo essa si trasforma in un doppio attaccamento dell’uno all’altro in una forma che sfrutta, nelle conseguenze finali, la natura.
E’ essa, la natura che soffre per la incapacità dell’uomo e della donna di amare senza porre limiti.

Vogliamo chiarire questo: quando siamo coinvolti in una relazione pesante e difficile, noi vogliamo liberarci certo, ma in un certo modo noi non vogliamo soffrire per le conseguenze del distacco.
Ma il Padre sa che quando noi ci distacchiamo, avremo una nuova opportunità di conoscere il vero significato dell’amore.
Ora noi sappiamo che in una certa forma noi eravamo attaccati in una forma di sfruttamento reciproco: questa non permetteva a noi stessi di esprimerci in merito al vero significato della vita in espressione.
Quando noi siamo privi di attaccamenti cosa accade nella nostra vita ? In un primo momento possiamo avere un dolore nel centro del petto: è la catena che si scioglie.
In un secondo momento possiamo condurre la nostra vita attraverso gli eventi senza nessun tipo di catena: tutte le catene che noi abbiamo sono sul piano emozionale.
Quando siamo riusciti a fare questo, possiamo amare noi stessi senza incatenare nessuno, senza incatenare noi stessi, e senza paura del futuro.

Altares

http://consulenzespirituali.com

The double point these days is this: the first is related to the true meaning of life in this plan. On this we can say that no one understands yet.
This lack of understanding stems from the fact that everyone wants to feed himself without regard to the limitations deriving from the fact that he poses to others thinking of only his food.
The second point is this: in cases where a relationship of true love is implemented, in a second time it turns into a double attachment of one another in a form which uses, in the final consequences, nature.
And ‘it, the nature of which suffers from the inability of men and women to love without limits.

We want to clarify this: When we are involved in a relationship heavy and hard, we want to get rid of course, but in a way we do not want to suffer the consequences of posting.
But the Father knows when we detach, we will have a new opportunity to know the true meaning of love.
Now we know that in a certain form we were stuck in a form of mutual exploitation: this did not allow ourselves to express ourselves about the true meaning of life expression.
When we are no attachments what happens in our lives? At first we can have a pain in the center of the chest is the chain melting.
In a second step we can lead our lives through the events without any kind of link all the chains that we are on an emotional level.
When we were able to do this, we can love ourselves without chaining anyone, without chaining ourselves, and without fear of the future.

Altares

http://consulenzespirituali.com

Come connettersi alla verità• Messaggio di Karuna

La-mente-e-l_inconscio-001

 

“Non buttarti giù, non disperarti mai. Stai ancorato al momento presente. Senti il tuo respiro gonfiarti l’addome e sentilo uscirne fuori. La mente, il piccolo io, vuole riportarti al passato, vuole dirti di quanto sia stato difficile, e tu vivi quella esperienza come presente nella tua mente e nelle tue emozioni. Tanto che con quell’atteggiamento ti incastrerai con la realtà nello stesso modo in cui lo hai fatto in passato, rivivendo così le stesse difficoltà o traumi. Ma quando sei nel presente, quando sei nel respiro, tutti quei comportamenti, pensieri e parole che sono frutto dei pensieri limitanti depositati nel subcosciente, e dai quali derivano le tue difficoltà nella vita pratica, vengono messi in luce nella sfera conscia. Puoi quindi osservarli, e capire come agiscono nel tuo presente venendo fuori, e come condizionano i tuoi comportamenti in relazione a te stesso e all’esterno. Attraverso questa consapevolezza, che è uno spazio neutro di non giudizio e non valutazione, entrerai in una modalità nella quale le tue azioni e le tue parole saranno dettate da una zona elevata della Coscienza, nuove, ispirate ai più alti valori e virtù naturali che sono insite in te. Sii centrato nel presente, nel respiro dunque, e fa il tuo lavoro.”

Luca Karuna Ursillo

Consulenze e channeling con Karuna…vedi ora

Canalizzazione: APERTI ALLE POSSIBILITA’

Immagine

Stare nel flusso.

Affidamento al sè guida.

Non giudizio di sè.

Ebbrezza del gioco.

Questi sono i punti che andremo a trattare oggi.

Qualsiasi cosa tu faccia tu che ascolti, sei nel flusso della vita. Non c’è da chiedersi un perchè o un per cosa, non c’è nulla che tu faccia nella vita che è fuori della vita.

Quello che tu percepisci come distanza da te stesso è solo un punto di osservazione della realtà, ovvero un focus che hai posto su un punto rispetto a un altro. Se ad esempio ti focalizzi sulla carriera, vedrai che tutte le informazione che ti arrivano in un dato momento saranno incentrate sull’aspetto finanziario che hai considerato. Questa è una legge dell’energia, che da risposte dove tu metti il focus, la tua attenzione.

E se non metti il focus in nessuna cosa ?

Bene rispondo a questo, si. Allora non mettere il focus in nessuna cosa vuol dire che naturalmente verrai a trovarti in un non spazio, dove nascerà una azione dettata dalle circostanze. Ad esempio se c’è qualcuno che ha bisogno di una mano tu naturalmente alzerai il braccio. Questo presuppone che tu abbia trasformato la parte rettile del tuo cervello, quella che vive di comportamenti basati sulla paura.

Ma c’è di più.

Entrando in uno spazio vuoto come quello della assenza di focus si delinea una situazione per cui si sviluppa il tuo Osservatore interiore. Quello grazie al quale tu percepisci direttamente ciò che è davanti ai tuoi occhi. E non c’è da abbassare il volto quando qualche situazione mette imbarazzo, ma solo da percepire la verità del momento.

Il tuo corpo come dicevamo, agirà di conseguenza rispetto alla situazione determinata, dando risposte incentrate a livello del cuore, cioè delle condivisione collettiva.

A meno che dunque non riteniate di avere una mission particolare da compiere che vi focalizza su un determinato obbiettivo, potrete sperimentare questa sensazione fisica.

Andiamo avanti.

Parliamo dei giochi. Tutto è un gioco anche il più drammatico se si assume una prospettiva spirituale in merito. Ebbene i giochi. Può capitare che davanti a voi si svolgano dei giochi ai quali partecipate, e siccome avete già fatto quelle esperienze che stanno accadendo sotto i vostri occhi e siete annoiati, desiderate sperimentarne di nuovi. Bene.

iN QUESTO CASO NON DOVETE FAR ALTRO CHE ASCOLTARE LA VOSTRA VOCE GUIDA, IL VOSTRO DIO DEA INTERIORI CHE VI DIRANNO IN TEMPO REALE COSA STA ACCADENDO DI FRONTE AI VOSTRI OCCHI.

Questa si chiama comprensione. Quello che avete in mano è la chiave per poter agire sulla realtà prendendo una posizione che è comunque nel flusso ma costituisce una deviazione significativa. In arte è chiamata ispirazione, ed è la manifestazione esteriore dello Spirito Creativo in Azione.

Come dice un maestro dei giorni nostri Eckhart Tolle, di fronte a una situazione che drammatica vissuta da una persona avete tre opportunità : la prima è quella di andare via, la seconda è quella di modificare la situazione, la terzo è quella di osservare senza rimanere a nutrire il dramma, che si svolge sotto i vostri occhi.

bene. Veniamo al punto. Se capita, come capiterà che voi percepiate delle cose dalla vostra voce interiore che risulta portarvi fuori dalla vostra abituale razionalità come reagirete ? vi spaventerete senza dubbio, o quanto meno sarete meravigliati.

E’ questo il momento di rimanere centrati nella vostra percezione e di tenere fede a voi stesi. Non c’è niente di tanto orribile da poter essere giudicato. Dovete qui fare una salto, accettando tutto ciò che percepite di una situazione o di voi stessi senza esprimere alcune giudizio.

Certo può essere difficile ma è l’unico modo per rimanere in contatto con sè stessi, altrimenti rientrate nel dramma che si svolge attorno a voi, oppure sarete risucchiati da giochi che già avete giocato che vi dannificano o che oppure vi danno noia.

Perdete cioè consapevolezza di ciò che sta accadendo, e questo per il fatto che non avete dato ascolto con assoluta fiducia alla vostra guida interiore.

Qui non c’entra nulla l’umiltà. L’umiltà è uno schema vetusto che funzionava per articolare i giochi. L’umiltà si nutre del dubbio.

Dubbio che non ci possiamo piu permettere in questa fase in cui stiamo co-cocreando una vita sostenibile sul pianeta terra.

E’ quindi altamente opportuno avere un non giudizio di sè durante l’azione o il pensiero. Praticate questo.

L’ebbrezza del gioco.

Riconoscere i propri desideri all’interno del gioco senza giudicare se stessi, fa si che tu possa inserirti nel flusso per co-determinare lo scenario e le regole del gioco. Ciò che ti è servito per affermare la tua individualità e il tuo punto di vista ora lo rimetti in gioco nel flusso. Certo ci saranno degli assestamenti per questo, ma la meta è quella di cambiare il gioco. Il cambiamento del gioco è necessario quando c’è noia di aver gia giocato ad un determinato gioco, e questo non potete più tollerarlo.

Creare insieme il gioco nuovo, da ebbrezza perchè è la natura del gioco nuovo: la creatività sorge da un animo libero dal passato.

E credetemi, mai come ora c’è bisogno di giochi nuovi.

Spero di avervi dato degli spunti per riflettere.

Vi onoro per come siete, dei e dee creatrici.

Grazie della lettura.

Immagine

https://consulenzespirituali.com/consulenze-spirituali-e-channeling-e-healing/

Messaggio del 2 ottobre 2013: TRA VECCHIO E NUOVO

Immagine

 

Stare nel flusso.

Affidamento al sè guida.

NOn giudizio di sè.

Ebbrezza del gioco.

Questi sono i punti che andremo a trattare oggi.
QUalsiasi cosa tu faccia tu che ascolti, sei nel flusso della vita. NOn c’è da chiedersi un perchè o un per cosa, non c’è nulla che tua faccia nella vita che è fuori della vita.

Quello che tu percepisci come distanza da te stesso è solo un punto di osservazione della realtà, ovvero un focus che hai posto su un punto rispetto a un altro. Se ad esempio ti focalizzi sulla carriera, vedrai che tutte le informazione che ti arrivano in un dato momento saranno incentrate sull’aspetto finanziario che hai considerato. Questa è una legge dell’energia, che da risposte dove tu metti il focus, la tua attenzione.

E se non metti il focus in nessuna cosa ?

Bene rispondo a questo, si. Allora non mettere il focus in nessuna cosa vuol dire che naturalmente verrai a trovarti in un non spazio, dove nascerà una azione dettata dalle circostanze. Ad esempio se c’è qualcuno che ha bisogno di una mano tu naturalmente alzerai il braccio. Questo presuppone che tu abbia trasformato la parte rettile del tuo cervello, quella che vive di comportamenti reattivi piuttosto che attivi.

 

MA c’è di più.

Entrando in uno spazio vuoto come quello della assenza di focus si delinea una situazione per cui si sviluppa il tuo Osservatore interiore. Quello grazie al quale tu percepisci direttamente ciò che è davanti ai tuoi occhi. E non c’è da abbassare il volto quando qualche situazione mette imbarazzo, ma solo da percepire la verità del momento. Il tuo corpo come dicevamo, agirà di conseguenza rispetto alla situazione determinata, dando risposte incentrate a livello del cuore, cioè delle condivisione collettiva.

A meno che dunque non riteniate di avere una mission particolare da compiere che vi focalizza su un determinato obbiettivo, potrete sperimentare questa sensazione fisica.

Andiamo avanti.

Parliamo dei giochi. Tutto è un gioco anche il più drammatico se si assume una prospettiva spirituale in merito. Ebbene i giochi. PUò capitare che davanti a voi si svolgano giochi ai quali partecipare, perchè avete già fatto quelle esperienze che stanno accadendo sotto i vostri occhi e siete annoiati, e quindi desiderate sperimentarne di nuovi. Bene. iN QUESTO CASO NON DOVETE FAR ALTRO CHE ASCOLTARE LA VOSTRA VOCE GUIDA, IL VOSTRO DIO DEA INTERIORI CHE VI DIRANNO IN TEMPO REALE COSA STA ACCADENDO DI FRONTE AI VOSTRI OCCHI. Questa si chiama comprensione. QUEllo che avete in mano è la chiave per poter agire sulla realtà prendendo una posizione che è comunque nel flusso ma costituisce una deviazione significativa. Come dice un maestro dei giorni nostri Eckhart Tolle, di fronte a una situazione che drammatica vissuta da una persona avete tre opportunità : la prima è quella di andare via, la seconda è quella di modificare la situazione, la terzo è quella di osservare senza rimanere a nutrire il dramma, che si svolge sotto i vostri occhi.

bene. Veniamo al punto. Se capita, come capiterà che voi percepiate delle cose dalla vostra voce interiore che risulta portarvi fuori dalla vostra abituale razionalità come reagirete ? vi spaventerete senza dubbio, o quanto meno sarete meravigliati.

E’ questo il momento di rimanere centrati nella vostra percezione e di tenere fede a voi stesi. Non c’è niente di tanto orribile da poter essere giudicato. Dovete qui fare una salto, accettando tutto ciò che percepite di una situazione o di voi stessi senza esprimere alcune giudizio. Certo può essere difficile ma è l’unico modo per rimanere in contatto con sè stessi, altrimenti rientrate nel dramma che si svolge attorno a voi, oppure sarete risucchiati da giochi che già avete giocato che vi dannificano o che oppure vi danno noia.

Perdete cioè consapevolezza di ciò che sta accadendo, e questo per il fatto che non avete dato ascolto con assoluta fiducia alla vostra guida interiore. Qui non c’entra nulla l’umiltà. L’umiltà è uno schema vetusto che funzionava per articolare i giochi. L’umiltà si nutre del dubbio. Dubbio che non ci possiamo piu permettere in questa fase in cui stiamo co-cocreando una vita sostenibile sul pianeta terra.

E’ quindi altamente opportuno avere un non giudizio di sè durante l’azione o il pensiero. Praticate questo.

L’ebbrezza del gioco.

Riconoscere i propri desideri all’interno del gioco senza giudicare se stessi, fa si che tu possa inserirti nel flusso per co-determinare lo scenario e le regole del gioco. Ciò che ti è servito per affermare la tua individualità e il tuo punto di vista ora lo rimetti in gioco nel flusso. Certo ci saranno degli assestamenti per questo, ma la meta è quella di cambiare il gioco. Il cambiamento del gioco è necessario quando c’è noia di aver gia giocato ad un determinato gioco, e questo non potete più tollerarlo.

Creare insieme il gioco nuovo, da ebbrezza perchè è la natura del gioco nuovo: la creatività sorge da un animo libero dal passato.

E credetemi, mai come ora c’è bisogno di giochi nuovi.

Spero di avervi dato degli spunti per riflettere. Vi onoro per come siete, dei e dee creatrici. Grazie della lettura.