– I tarocchi di Marsiglia: Il Matto- The Tarot of Marseilles: The Fool ( written by karuna)

matto

I tarocchi.

I tarocchi di Marsiglia.

Questo strumento così discusso.

Usato in molteplici occasioni per una svariata serie di motivi. Amato dalle corti d’europa e tutt’ora utilizzato dai personaggi più in vista, e segretamente rispettato e amato.

Esistono due modi principalmente di utilizzare i tarocchi di Marsiglia.

In un primo modo, i tarocchi sono utilizzati in modo eminentemente predittivo, e cioè allo scopo di predire degli eventi piacevoli o spiacevoli relativamente a una persona.

Ci si può chiedere come questo sia possibile.

Personalmente non credo oggi nella possibilità della predizione, per il fatto che le vibrazioni cosmiche che stiamo ricevendo sono cosi nuove che siamo su binari totalmente differenti da quelli in cui, per i più grandi veggenti come Nostradamus, dovevamo essere.

https://consulenzespirituali.com/2014/05/11/la-fine-delle-predizioni/

La predizione può però essere efficace però quando si opera nel campo della suggestione.

In questo senso è possibile che la predizione faccia breccia nell’inconscio del consultante, il quale mette poi la sua vita in condizione che un dato evento si realizzi.

https://consulenzespirituali.com/tarocchi-sincronici-ed-evolutivi/

Oppure si può parlare di manipolazione degli eventi.

Gli eventi si realizzano se c’è una forte energia che spinge per la loro realizzazione. Gli eventi, tutti gli eventi possibili in un dato momento, sono inclusi in un “range”, una fascia di potenziali che sono tutti possibili, in potenza, nella loro manifestazione.

https://consulenzespirituali.com/la-gaurigione-spirituale-nei-nodi-sincronici-the-spiritual-healing-in-the-synchronic-knots/

Per altro, da uomini e donne libere, tendiamo alla manifestazione dei potenziali che non abbiamo mai esperienziato, in quanto come Creatori della nostra vita, amiamo manifestare creazioni differenti, per il gusto della esplorazione.

https://consulenzespirituali.com/biografia-spirituale/

IL Matto (Le mat)

Questa carta, appunto indica l’inizio del percorso.

E’ l’unica carta degli arcani maggiori che non ha numero. Può essere indicata come numero 0.

In tutte le scuole misteriche, è noto che è dal Vuoto che si originano gli Universi e le dimensioni, come in uno specchio. E’ il desiderio del Vuoto di specchiarsi in se stesso attraverso una Creazione, dentro cui poi i suoi frammenti consapevoli, cioè Noi, abbiamo la possibilità di esplorare ogni potenziale creativo.

Questo Vuoto è Il Matto dei Tarocchi.

Ovviamente come tutti i vuoti esso contiene il tutto. Tutte le Lame dei tarocchi si originano da questa prima lama.

Il matto è il viandante, come si può vedere chiaramente dalla rappresentazione grafica.

Egli è vestito in modo colorato ed espressivo, con sonagli per le proprie rappresentazioni sceniche e la bisaccia per raccogliere i suoi pochi beni.

E’ il viandante che vive mille avventure, e che poi si ferma nelle piazze delle città che attraversa per raccontarle in modo colorito dando un senso della sua esistenza.

Ma nella carta c’è anche un animale: esso sospinge dal basso il matto, come a indirizzarlo verso il cammino.

Questa forza animale è la Terra, è la carica vitale, è il Muladhara Chakra, è l’energia primordiale. E’ quella forza vitale alla base di ogni esperienza incarnata: è la Materia.

E’ dunque il matto altresì l’inziato, il novizio: egli è all’inizio del suo percorso spirituale.

Quando sortiamo il matto dal mazzo dei tarocchi, c’è sempre una doppia chiave legata all’archetipo. La chiave materiale dell’esperienza e la chiave spirituale dell’esperienza.

L’iniziazione giunge quando giunge: può essere ricercata in un rituale, ma più spesso è la vita che la conferisce a coloro che sono pronti per mettersi sul sentiero spirituale.

Attraverso un episodio, un incontro, o forse anche uno scontro con il lato materiale della vita: una malattia forse. Che non deve essere vista come un “difetto di fabbrica” del veicolo fisico, ma come una occasione di apprendimento, o appunto una iniziazione.

Per altro la lettura dei tarocchi non può esser confinata alla lettura della numerologia e della simbologia delle carte, ma deve accompagnarsi, per essere dettagliata e specifica per il consultante, a una lettura certamente intuitiva.

L’essere intuitivi o addirittura guidati da entità benevole nella lettura dei tarocchi, è la migliore garanzia che quello che viene letto è per la crescita del consultante, e che non viene fatto per un mero esercizio di potere o per un dato economico.

Chiedete sempre a coloro che usano i tarocchi, se essi lo usano in modo predittivo, o sincronico-evolutivo, e se sono guidati nella lettura.

Questo vi aiuterà a comprendere a che tipo di gioco andate incontro..

Un caro saluto a tutti.

Karuna

________

The tarot.

The Tarot of Marseilles.

This tool so discussed.

Used on many occasions for a diverse variety of reasons. Loved by the courts of Europe and still used by the most prominent, and secretly respected and loved.

There are mainly two ways to use the Tarot of Marseilles.

In a first, the tarot cards are used so eminently predictive, and that in order to predict events in a relatively pleasant or unpleasant person.

One may ask how this is possible.

Personally I do not believe in the possibility of prediction today, for the fact that the cosmic vibrations that we are receiving are so new that we are on tracks totally different from those in which, for the greatest seers like Nostradamus, we had to be.

https://consulenzespirituali.com/2014/05/11/la-fine-delle-predizioni/

The prediction, however, can be effective, however, when working in the field of suggestion.

In this sense it is possible that the prediction make inroads in the unconscious of the consultant, who then puts his life on the condition that a given event is realized.

https://consulenzespirituali.com/tarocchi-sincronici-ed-evolutivi/

Or you can talk about the manipulation of events.

The events are made if there is a strong energy that pushes for their realization. The events, all possible events at a given time, are included in a range”, a band of potential that are all possible, in power, in their manifestation.

https://consulenzespirituali.com/la-gaurigione-spirituale-nei-nodi-sincronici-the-spiritual-healing-in-the-synchronic-knots/

For another, as free men and women, we tend to the manifestation of the potential that we never esperienziato, because as Creators of our life, we love manifest different creations, for the sake of exploration.

https://consulenzespirituali.com/biografia-spirituale/

THE  Fool (The mat)

This card, precisely indicates the beginning of the path.

And the only card of the major arcana that has no number. May be indicated as the number 0.

In all mystery schools, it is known that it is the Void that originate universes and dimensions, as in a mirror. And the desire of the Void to be reflected in himself through creation, in which its fragments then aware, that we, we have the opportunity to explore every creative potential.

This vacuum is The Fool of the Tarot.

Obviously, as all voids it contains the whole. All Blades tarot originate from this first blade.

The madman is the traveler, as you can clearly see from the graph.

He is dressed in a colorful and expressive, with bells for their stage performances and saddle bags to collect his few possessions.

And the wanderer who lives a thousand adventures, and then stops in city squares crossing to tell colorfully giving a sense of its existence.

But in the paper, there is also an animal: it pushes from below the fool as to direct it towards the path.

This power animal is the Earth, is the vital energy, is the Muladhara Chakra, is the primordial energy. And the life force behind every experience embodied: the Matter.

And So the fool also the inziato, the novice: he is at the beginning of his spiritual journey.

When sortiamo the fool from the tarot deck, there is always a double key tied to the archetype. The key material of the experience and the key spiritual experience.

The initiation comes when it arrives: can be sought in a ritual, but more often it is life that gives those who are ready to get on the spiritual path.

Through an episode, a meeting, or perhaps a clash with the material side of life: a disease perhaps. That should not be seen as a manufacturing defect” of the physical vehicle, but as a learning opportunity, or just an initiation.

For another tarot reading can not be confined to the reading of numerology and symbolism of the cards, but must be accompanied, to be detailed and specific to the consultant, to a reading certainly intuitive.

Being intuitive or even led by benevolent entities in tarot reading, is the best guarantee that what is read is for the growth of the consultant, and that is not done for a mere exercise of power or for a given statement.

Always ask to those who use tarot cards, if they use it in a predictive manner, or synchronicevolutionary, and if they are guided in reading.

This will help you to understand what kind of game you go meeting ..

Greetings to all.

Karuna

Annunci